Home Curiosita Microchip obbligatorio per i gatti in Lombardia: cosa stabilisce la disciplina regionale

Microchip obbligatorio per i gatti in Lombardia: cosa stabilisce la disciplina regionale

La Lombardia è stata la prima Regione italiana a rendere obbligatorio il microchip per i gatti: scopriamo cosa stabilisce la legge regionale.

Microchip obbligatorio per i gatti in Lombardia
(Foto Adobe Stock)

La disciplina normativa sugli animali d’affezione è in continua evoluzione, sempre più attenta a raccogliere le istanze culturali in atto nella società. Tuttavia a norma della legge nazionale il microchip non è obbligatorio per il gatto; in tal senso è la Lombardia ad aver aperto la strada con l’articolo 37 della L. R. n. 9/2019. Scopriamo insieme cosa stabilisce la normativa regionale.

Cane e gatto: le differenze nella disciplina degli animali d’affezione

La normativa nazionale in materia di animali d’affezione (e di prevenzione del randagismo) è la Legge quadro n. 281 del 1991. Con essa il Legislatore ha dettato i principi fondamentali della disciplina, lasciandone l’attuazione alle Regioni.

gatto struscia contro cane
(Foto Adobe Stock)

Queste ultime, in particolare, hanno il compito di determinare i criteri per il risanamento dei canili comunali e la costruzione dei rifugi per cani, la predisposizione ed adozione di un piano di prevenzione del randagismo, l’istituzione dell’Anagrafe degli animali d’affezione.

Quest’ultimo è un registro in cui possono essere inseriti cani, gatti e furetti; soltanto per i primi, tuttavia, la legge nazionale stabilisce l’obbligo di microchip (la cui inoculazione avviene contestualmente alla registrazione).

Si tratta di un dispositivo contrassegnato da 15 cifre, associate in maniera univoca ai dati del cane (sesso, razza, taglia, età, colore del pelo, nome) e a quelli del proprietario (dati anagrafici e residenza).

La funzione da esso assolta è duplice: da un lato aumentare le probabilità di ritrovamento dell’animale smarrito, dall’altro scoraggiare la commissione del reato di abbandono di animali; funzioni che sarebbero essenziali anche per gli altri animali domestici, ma per i proprietari dei quali non è previsto alcun obbligo.

Potrebbe interessarti anche: Microchip obbligatorio per i gatti in Puglia: cosa stabilisce la disciplina regionale

La L. R. n. 9/2019: il microchip obbligatorio per i gatti della Lombardia

La legge nazionale non prevede l’obbligo di registrare il gatto nell’Anagrafe degli animali d’affezione territorialmente competente.

Lettore microchip gatto (Foto Adobe Stock)
(Foto Adobe Stock)

Si tratta di atto compiuto dal proprietario facoltativamente, al fine di tutelare maggiormente il proprio amico a quattro zampe.

La Lombardia ha sancito un’inversione di rotta (seguita soltanto dalla Puglia e, parzialmente, dal Lazio) con l’art. 37 della L. R. n. 9 del 2019, il quale ha modificato l’art. 105 della L. R. n. 33 del 2009 (Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità).

Potrebbe interessarti anche: Microchip per i gatti nel Lazio: quando è obbligatorio a norma di legge

Per effetto di tale intervento normativo è obbligatorio per il proprietario o detentore a qualsiasi titolo di un gatto nella Regione Lombardia registrare a mezzo microchip il felino entro 15 giorni dall’inizio del possesso od entro 30 giorni dalla nascita, e comunque in ogni caso prima della sua cessione a qualsiasi titolo.

Sono tenuti altresì a denunciare entro 7 giorni la scomparsa dell’animale (sia per furto che per smarrimento), mentre entro 15 giorni vanno segnalati la cessione o cambio di residenza.

Chi omette tali adempimenti obbligatori incorre in una sanzione pecuniaria che va da 25 a 150 euro.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio Scaramozza