Home Gatti Salute dei Gatti Sindrome paraneoplastica nel gatto: cosa è importante sapere

Sindrome paraneoplastica nel gatto: cosa è importante sapere

Sindrome paraneoplastica nel gatto, che cosa significa? Scopriamo, insieme, cosa accade al micio colpito da una sindrome e come intervenire a riguardo.

Sindrome paraneoplastica nel gatto
(Foto Pixabay)

Non sempre il nostro micio gode di buona salute. Ci sono alcune malattie che possono mettere a dura prova la resistenza fisica e mentale dell’animale ed i casi peggiori, purtroppo, sono i tumori. Nel felino sofferente di un tumore, inoltre, possono manifestarsi diversi sintomi legati alla patologia che l’ha colpito, che sono conseguenza della sua grave condizione. Parliamo, oggi, della sindrome paraneoplastica nel gatto.

Sindrome paraneoplastica nel gatto: cos’è

Si tratta di una condizione difficile in cui possono ritrovarsi gatti e anche cani con un tumore, di solito scambiata per un problema non correlato allo stesso tumore. Vediamo di capire che cosa si indica con sindrome paraneoplastica nell’amico peloso.

Il felino e la sindrome paraneoplastica
(Foto Pexels)

Non ne esiste soltanto una ma più sindromi paraneoplastiche che possono presentarsi nel felino e non è detto che ciò accada nello stesso momento e nello stesso modo.

In realtà, la sindrome paraneoplastica nel gatto è l’insieme dei disturbi o problematiche che sono conseguenza della presenza di un tumore ma, allo stesso tempo, non sono associati alla dimensione e localizzazione di esso nell’animale.

É molto importante sapere che una sindrome paraneoplastica può presentarsi nel peloso prima, durante o dopo il tumore e si presentano tutte in forme diverse e con sintomi anche molto gravi. La sua presenza nel gatto può aiutare a verificare l’evoluzione del tumore e capire quale può essere la cura più adatta.

Potrebbe interessarti anche: Sindrome di Horner nel gatto: cos’è, cause, sintomi e cura

Il felino e le sindromi più comuni

Esistono alcune sindromi paraneoplastiche molto comuni nel felino (e anche nel cane). Vediamo insieme quali sono e qual è la sintomatologia che le distingue.

Gatto con la sindrome paraneoplastica
(Foto Unsplash)

Possono presentarsi, nel micio, diverse sindromi paraneoplastiche, che hanno cause e sintomi vari e gravi. Leggiamo meglio quali sono:

  • Anoressia nel gatto (Cachessia): causata principalmente dalla metastasi del tumore, da complicazioni in conseguenza della terapia o da alterazioni del metabolismo nell’animale. I sintomi tipici di questa condizione sono scarso appetito, forte dimagrimento, riduzione dei muscoli, edema periferico, epatosplenomegalia e linfoadenomegalia.
  • Anemia nel gatto:la quale implica anche aplasia, emorragia, riduzione dei globuli rossi, carenza di ferro e vitamine. I suoi sintomi e segnali sono l’indebolimento generale del peloso, letargia, pallore delle mucose, battito cardiaco accelerato nel gatto.
  • Febbre: viene associata ai tumori epatici, alle leucemie, al linfoma o mieloma multiplo.
  • Sindromi paraneoplastiche endocrine: prevedono un’eccessiva produzione di ormone antidiuretico, con conseguenti sintomi quali vomito, crisi epilettiche e anche coma; sindrome di Cushing ectopica e sindrome di Zollinger-Ellison, con il tumore al pancreas.
  • Sindromi paraneoplastiche dermatologiche: sono abbastanza rare e comprendono l’alopecia, l’eritema cutaneo, ipercheratosi, dermatite esfoliativa, dermatofibrosi nodulare e necrosi cutanea.
  • Sindromi paraneoplastiche neurologiche: le quali vengono causate da fenomeni immunologici.
  • Miosite paraneoplastica: anche questa è molto rara e può manifestarsi in presenza di leucemia e carcinoma tonsillare.

Altre sindromi paraneoplastiche del micio

Ci sono altre gravi sindromi paraneoplastiche che possono colpire il felino, come:

  • Ulcere gastroenteriche: le quali si formano in seguito al rilascio di istamina da parte di tumori come gastrinoma e mastocitoma.
  • Miastenia grave: in conseguenza della formazione di anticorpi dal tumore. Questa presenta alcuni sintomi come debolezza muscolare, megaesofago nel gatto, disfagia.
  • Eritrocitosi: si verifica per l’aumento di globuli rossi, in presenza di tumori renali, epatici o ovarici, linfoma, leiomiosarcoma intestinale. I sintomi tipici sono diarrea del gatto, anoressia, vomito, trombosi, emorragie.
  • Polineuropatia periferica: si verifica con la presenza di mieloma multiplo, melanoma, tumore mammario metastatico, linfoma, leucemia nel gatto, carcinoma epatico. I sintomi che si presentano sono atrofia muscolare, atassia progressiva, paresi, perdita della sensibilità al dolore.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ilaria G