Home News 66 cuccioli trovati in fin di vita in un rifugio abbandonato...

66 cuccioli trovati in fin di vita in un rifugio abbandonato (Video)

Altra storia di brutalità infinita, rifugio per cani abbandonato a se stesso con 66 cuccioli presenti all’interno, animali trovati in fin di vita

66 cuccioli trovati in fin di vita in un rifugio abbandonato (Video)
66 cuccioli trovati in fin di vita in un rifugio abbandonato (Screen Video)

La vicenda ha avuto luogo in Almeria, comune Spagnolo conosciutissimo come meta turistica che questa volta è venuto sotto i riflettori per eventi ben meno lieti.

La storia in questione ha come protagonisti 66 cani, ospiti del rifugio, che sono stati improvvisamente lasciati a morire di stenti dai proprietari della struttura.

Una storia che nasconde una brutalità indescrivibile, quando un testimone ha portato alla luce la vicenda le condizioni dei cani erano ormai critiche, per alcuni c’è stato bisogno di trasfusioni di sangue e flebo di liquidi per scongiurare il pericolo di morte dopo le settimane senza cibo e acqua.

66 cuccioli condannati a morte, abbandonati da chi doveva prendersi cura di loro

66 cuccioli trovati in fin di vita in un rifugio abbandonato (Screen Video)
66 cuccioli trovati in fin di vita in un rifugio abbandonato (Screen Video)

Una vera e propria sentenza di morte quella emessa per i 66 cuccioli presenti nella struttura collocata in Almeria, i proprietari della stessa hanno deciso di disinteressarsi improvvisamente senza curarsi delle vite che ospitavano tra le loro mura.

La segnalazione avvenuta da un’associazione locale è arrivata quando la situazione era quasi irrecuperabile, immediato l’intervento della guardia civil e di un equipe di veterinari che si sono trovati davanti a scene terrificanti.

Tutti i cani presentavano un avanzato stato di malnutrizione, alcuni ridotti ad uno scheletro e ricoperti da pulci e zecche, condizioni quasi irrecuperabili, per alcuni di loro c’è stato bisogno di trasfusioni e flebo di liquidi e per fortuna dopo molto lavoro è stato possibile scongiurare il peggio.

La struttura purtroppo non era nuova a comportamenti come questo, le denunce accumulate nel tempo erano già  diverse, tutte causate dai maltrattamenti riscontrati su animali presi in affido poi da affidatari o altre associazioni, l’impressione quindi è che qualcosa potesse essere fatta prima evitando di arrivare ad un epilogo cosi disastroso.

Dopo l’inizio dell’azione legale adesso il caso è all’attenzione del tribunale di Almeria ed i fari sono puntati su quello che sarà il verdetto finale della corte, le gravi accuse di crudeltà sugli animali si spera che possano tramutarsi in una pena esemplare nella speranza per il futuro di poter assistere sempre meno ad eventi come questo.