Home News È provato! La saliva di cani e gatti può causare infezioni mortali...

È provato! La saliva di cani e gatti può causare infezioni mortali nell’uomo

CONDIVIDI

La saliva di cani e gatti può provocare gravi problemi per la salute dell’uomo. Questo recente studio rivela il pericolo di batteri Capnocytophaga canimorsus che si trovano nella saliva degli animali domestici.

Sebbene cani e gatti siano i nostri animali domestici e siano importanti nella nostra vita, possono causare alcune malattie, in particolare malattie infettive, come la trasmissione di batteri, che possono essere pericolosi per l’uomo. Come nel caso del batterio Capnocytophaga canimorsus che ha già causato la morte di molte persone. Questo non è un motivo per abbandonare i tuoi animali, ma solo per prendere misure precauzionali; non lasciare che i tuoi animali lecchino le tue ferite o la tua faccia.

Come rivela questo studio, i batteri Capnocytophaga canimorsus, trasmissibili dalla saliva di cani e gatti, possono essere la fonte di infezioni gravi e / o fatali nell’uomo.

Questo studio, condotto dall’Università di Brest e pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Disease, rivela che i baci di cani e gatti, anche se sani, possono essere molto pericolosi per l’uomo. a causa di un batterio chiamato Capnocytophaga canimorsus presente nella loro saliva.

Il seme Capnocytophaga canimorsus è ospitato dalla normale flora orale del cane. A volte è responsabile di infezioni umane molto gravi, specialmente quando il sistema immunitario è compromesso. Nel settembre 2017, un uomo di 48 anni è morto all’ospedale universitario di Caen in seguito a un’infezione generalizzata daquesti batteri, due giorni dopo essere stato morso dal suo cane. Nel febbraio 2018, un altro uomo di 47 anni morì acausa della stessa infezione generalizzata a Saint-Raphaël. Lo stesso anno, il batterio uccise anche un uomo di 54 anni nell’ospedale di Royan (Charente-Maritime)  che viveva con un cane, ma non erastato morso. Con olta probabilità il cane aveva solo leccato una lesione cutanea dell’uomo, come riportato in un articolo pubblicato su The Journal of Internal Medicine. Anche i batteriologi e medici di emergenza del gruppo di cooperazione sanitaria di Saintonge e il laboratorio inter-ospedaliero di biologia medica della Charente-Maritime hanno riportato questo caso.

Infatti, il batterio Capnocytophaga canimorsus è a volte responsabile di gravi infezioni umane, anche fatali quando il sistema immunitario non risponde; questo è il caso di persone indebolite da HIV, diabete o alcolismo. Anche le donne incinte, i bambini piccoli e gli anziani sono a rischio di contrarre questo batterio.

Un’infezione da Capnocytophaga canimorsus è associata a un morso di cane nel 60% dei casi, ma anche ad una leccata di una lesione cutanea preesistente in circa il 30% dei casi.

In altre parole, questo caso mette in evidenza la potenziale gravità estrema di sepsi causata da rare canimorsus Capnocytophaga e sostiene il fatto che questo è possibile senza immunosoppressione e inoculazione.

Un altro caso simile riportato dal Washington Post, riporta il ricovero di un americano di 48 anni aseguito di febbre, nausea e allucinazioni. I medici diagnosticano la presenza del batterio Capnocytophaga canimorsus possibilmente propagandato dal cane della vittima e nonostante il trattamento antibiotico, lo stato di salute del paziente è improvvisamente degenerato. Coaguli di sangue si formarono nelle sue vene e bloccarono il flusso di sangue alle estremità del suo corpo, causando la morte delle sue cellule, dei suoi tessuti e l’amputazione delle sue braccia e delle sue gambe.

Secondo il Center for Disease Control and Prevention, il batterio Capnocytophaga canimorsus vive nel 75% dei casi nella saliva del cane e nel 57% nei gatti;

Sintomi e trattamento Canimorsus infezione da Capnocytophaga

I ricercatori dell’Università di Brest ha individuato casi di infezione con il batterio Capnocytophaga canimorsus, in cui i sintomi di un’infezione dopo un morso erano febbre, diarrea, vomito, arrossamento o gonfiore intorno alla ferita. Questi appaiono 1-8 giorni dopo l’esposizione al canimorsus Capnocytophaga e generalmente iniziano a manifestarsi il secondo giorno perpoi peggiorare in uno stato di emergenza che richiede una diagnosi accurata e l’inizio di una terapia antibiotica il più presto possibile.

Ti potrebbe interessare  anche——>>>Animali notizie, bambino curato con la saliva di cane rabbioso

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI