Home News La compassione tra due cani vittime di abusi

La compassione tra due cani vittime di abusi

CONDIVIDI

samie4

La solidarietà e la comprensione tra animali sono stati più volte al centro di vicende straordinarie che hanno dimostrato come i nostri compagni a 4zampe, siano empatici ed estremamente sensibili allo stato emotivo non solo nei confronti dell’uomo, ma anche tra diverse specie e tra esemplari della stessa specie.

E’ il caso di due cani salvati a distanza di diverse settimane e trasferiti in due rifugi differenti in South Carolina. I due animali erano così malridotti che furono portati in una clinica veterinaria dove si sono incontrati: Simon, un border collie di circa un anno, maltrattato dal suo ex proprietario e Sammie, un dolce cucciolo di 4 mesi, vittima di atroci torture, dopo essere stato colpito dal proiettile di un arma da fuoco, è stato dipinto con della vernice blu e infine trascinato con un’automobile, lasciato morire di stenti bordo strada.

Ma per loro la vita non doveva finire in quel modo ed entrambi sono stati salvati da alcuni volontari che li hanno poi portati casualmente nella stessa clinica. Ma la cosa più incredibile che ha colpito i volontari e i veterinari è stata che Simon, il border collie si è avvicinato istintivamente al piccolo Sammie, appena arrivato nella clinica, fino ad appoggiare la sua zampa sul lettino della sala operatoria dove era steso il cucciolo.

“La compassione e la comprensione tra gli animali va oltre al mio pensiero”, ha dichiarato Jackie O’Sullivan, co-fondatore dell’associazione Rescue Dogs Rock New York che si sta prendendo cura dei due cani.

Per ora, Simon sta recuperando molto bene ma i veterinari hanno già annunciato che al momento resterà vicino a Sammie che ha bisogno di tutta la compassione per superare il trauma e con molte probabilità Simon lo aiuterà a  recuperare in modo molto più docile.

Il povero Sammie, come emerge dalle foto, ha riportato diverse ferite infette, anteriori a 4/5 giorni dalle diverse fratture agli arti, riportate durante il trascinamento in auto e per le quali, doverà subire diversi interventi chirurgici, affrontare un percorso di fisioterapia ma anche comportamentale, in quanto ricordano i volontari, è stato derubato della sua tenera età.