Home News Leggere con il cane: il progetto di pet therapy con Lucky

Leggere con il cane: il progetto di pet therapy con Lucky

CONDIVIDI
@Facebook- luckyleo
@Facebook- luckyleo

Un cane fortunato di nome e di fatto: Lucky è un esemplare simil labrador salvato da un destino incerto. Grazie all’incontro con una donna di nome Prima Teresa Albergo che lo ha salvato, la vita di Lucky si è trasformata e quello che poteva essere una debolezza è diventata una forza.

Infatti, Albergo è un’educatrice che ha creato un’attività basata sulla “lettura assistita” e da quando ha trovato Lucky, si fa accompagnare dal suo cane nella libreria “Torre di Abele” di Torino dove racconta storie bellissima a mamme e bambini, dai sei mesi agli otto anni.

“Dopo un mese dall’inizio del Master in pet therapy e qualità della vita all’Ius Rebaudengo di Torino, vedo per caso su internet un annuncio: poche informazioni, due foto, un po’ sfocate, di un cane di cinque anni. Incuriosita, il giorno dopo, lo vado a conoscere”, ha raccontato la donna.

Tra loro scatta subito una grande intesa e gli occhi di Lucky tristi ma profondi la conquistano. Lucky è stato adottato ad otto mesi in un rifugio di Napoli, da una famiglia di Torino con due bambini. Purtroppo dopo il divorzio la madre non riusciva ad occuparsi del cane. Il destino ha fatto in modo che nella vita di Lucky arrivasse Teresa e il rapporto è stato costruito con il tempo fino a quando Lucky non uscisse fuori sempre con Teresa da solo: “Ho sempre desiderato nel mio cuore che Lucky fosse adatto a un percorso come cane sociale da pet therapy. Dopo giorni e giorni di insistenza di mio nipote Leonardo nel tirare la coda e le orecchie, e nel toccare gli occhi del povero malcapitato, nonostante gli avessi spiegato che non andava tormentato, Lucky è stato molto più educativo ed efficace di me”.

Ma un giorno il cane dimostra a Teresa di essere pronto quando appunto il nipote Leo infastidiva Lucky che a quel punto delicatamente con la bocca ha preso la mano del bambino, spostandola dalla coda.

In quel modo, il cane ha dimostrato di essere equilibrato e di avere capacità riflessive, tutti elementi adatti alla Pet therapy. Da quel momento in poi, Teresa ha iniziato un percorso per il master in Pet therapy e la possibilità di certificare Lucky come “cane da pet therapy”.

Come era prevedibile, Lucky ovviamente non ha deluso le aspettative.

Ecco il sito dove scoprire tutte le informazioni clicca lucky leo