Home News Nuova vita per quattro cavalle: scoperti alcuni che falsificavano documenti

Nuova vita per quattro cavalle: scoperti alcuni che falsificavano documenti

Nuova vita per quattro cavalle destinate alla produzione alimentare. Per farlo, alcuni volevano falsificare i documenti

Cavalli salvati (foto Pixabay)
Cavalli salvati (foto Pixabay)

Sono state salvate per un soffio e finalmente sono pronte per una nuova vita. Stiamo parlando di quattro cavalle, fortunatamente non destinate al macello, la cui destinazione è stata modificata a causa della falsificazione di alcuni documenti. La situazione è stata presa in considerazione dal veterinario della Asl e dal titolare del macello di Correggio che hanno affidato alle forze dell’ordine il compito di verificare i documenti, scoprendo così la loro falsificazione.

Potrebbe interessarti anche: Partito Animalista a Roma per difendere i cavalli dalle “carrozze storiche”

Nuova vita per quattro cavalle destinati alla produzione alimentare 

Cavalli felici (Foto Pixabay)
Cavalli felici (Foto Pixabay)

Dietro tale gesto si nascondeva qualcosa di terribile. L’obiettivo era quello di trasformare gli animali non destinati al macello, in quelli destinati alla produzione alimentare che venivano siglati con la sigla DPA. Purtroppo è una pratica che viene utilizzata spesso per trasformare gli animali che non possono essere più utilizzati negli sport, nello specifico nei circuiti dell’ippica, in bistecche. La conferma proviene da Sonny Richichi il Presidente della Onlus IHP che ha illustrato la triste realtà. La causa di ciò dipende dalla mancanza di un’anagrafe seria che sappia identificare in maniera corretta tutti gli animali.

Potrebbe interessarti anche: Cavalli legati e denutriti, denunciato il proprietario per abbandono di animali

Il riconoscimento dei cavalli alla nascita avviene nella medesima maniera dei cani e consiste nell’avere un passaporto dotato di microchip. In tal modo, nel dispositivo compaiono non solo i dati necessari all’identificazione ma anche la classificazione in ordine della macellazione che non può essere soggetta a modifiche fino al termine della loro vita naturale. Un aspetto importante che si pone a tutela non solo degli animali ma anche dei consumatori. Quando ciò non avviene si corre il rischio di trovarsi nel piatto cibi trattati con farmaci o sostanze solitamente impiegate nello sport. Fortunatamente, il destino è stato diverso per quattro cavalle  chiamate Louisiane, Lys, Jacinthe e Heroine che potranno cominciare una vita più serena e sicura. Grazie a tutti coloro i quali hanno reso possibile tutto questo.

 

Benedicta Felice