Home News Scimmia mangia cibo spazzatura diventa obesa e rischia la vita

Scimmia mangia cibo spazzatura diventa obesa e rischia la vita

Una scimmia ha raggiunto delle dimensioni pericolosissime per la sua salute, la scimmietta infatti per molto tempo aveva mangiato del cibo “spazzatura” offerto dai passanti del mercato Thailandese dove si appostava per avere il cibo.

La scimmia era arrivata a pesare 19 chili. La sua situazione di salute stava precocemente degenerando. E’ quindi stato portato in un centro per animali obesi nel quale dal suo arrivo è già riuscito a perdere 2 chili.

La scimmia di nome Godzzilla si trova nel centro faunistico di Chachoengsao, nella Thailandia centrale e attualmente sta seguendo una dieta rigorosa che comprende anche piccoli spuntini con animali vivi come i grilli, tutto per far si che l’animale ricominci a muoversi e rincorrere il cibo in modo tale da spronarlo a fare anche attività fisica.

Alla scimmietta è permesso mangiare aneto, lattuga, vermi uccelli, carote, arachidi, fagioli lunghi e semi di girasole.

Sfortunatamente la piccola scimmia  da quando è stata messa a dieta è diventata abbastanza aggressiva e attacca i visitatori, ed è diventa possessiva nei confronti degli orsacchiotti e dei giocattoli nel suo nuovo recinto.

potrebbe interessarti anche :

Il salvataggio della scimmia

Il capo della foresta presso il Dipartimento dei parchi nazionali della Thailandia Navee Changpirom ha dichiarato :” Il peso di Godzilla supera ancora gli standard normali delle scimmie macaco più comuni, che non supera i 10 kg”.

“Ha anche problemi comportamentali, perché ha troppi giocattoli dal suo precedente proprietario”.

“È molto possessivo nei loro confronti, li custodisce come un tesoro e non permette a nessuno di prenderli facilmente. Se qualcuno cerca di raccoglierli, li riprenderà immediatamente”.

A quanto pare infatti la scimmia che vagava per il mercato mangiando qualsiasi cosa le fosse offerto era di un commerciante che la teneva con se illegalmente all’interno della sua abitazione.

Anche se potrebbe non sembrare a causa della sua aggressività la scimmietta si è adattata bene alla dieta. Sfortunatamente Godzzilla non è l’unica scimmia in Thailandia alimentata con cibo spazzatura, le scimmie infatti tendono a rubare cibi ai passanti e ai turisti, ma bisogna ricordare sempre che si tratta di animali selvatici che non dovrebbero essere nutriti dagli umani.

Se il centro faunistico di Chachoengsao non fosse intervenuto per portarla in salvo e metterla a dieta, molto probabilmente Godzzilla avrebbe fatto la stessa fine del primato “Uncle Fatty” deceduto nel 2019 a causa della continua alimentazione fornita dall’essere umano.

Secondo alcune indiscrezioni la scimmia era di proprietà di uno dei commercianti, ma un passante accorgendosi del suo notevole sovrappeso ha deciso di contattarli.

I funzionari della fauna selvatica hanno visitato il mercato nel distretto di Min Buri della capitale Thailandese vedendo la condizioni di Godzilla gli agenti hanno deciso immediatamente di portarlo via in una gabbia.

 

“Abbiamo ricevuto un rapporto da qualcuno che era preoccupato per la salute della scimmia”.

“La nostra indagine ha poi trovato il proprietario. Ha detto che ha portato la scimmia a casa e si è preso molta cura di lei come uno dei membri della sua famiglia. Lui e la sua famiglia hanno nutrito la scimmia così bene che è diventata grassa”.

A volte gli amanti del mercato trovavano la scimmia carina e la nutrivano anche. La scimmia è diventata un’attrazione preferita al mercato”.

A quanto riferito da quello che ormai è l’ex proprietario di Godzilla i genitori della scimmietta erano morti in seguito ad un incidente stradale, e un bambino l’aveva trovato e salvato per poi abbandonarlo, così lui aveva deciso di prendersene cura .

L’uomo ha tenuto la scimmia come animale domestico illegalmente e gli ha permesso di aggirarsi per il mercato dove i passanti lo nutrivano con ogni sorta di cibo.

Fortunatamente ora la scimmia sta dimagrendo, ma dovrà essere abituato a trovare il cibo da solo prima dii essere rilasciato in natura.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Loriana Lionetti