Voleva solo gettare la spazzatura: trova una sorpresa nel cassonetto – VIDEO

Foto dell'autore

By Elisabetta Guglielmi

News

Il preside di una scuola americana è andato a gettare la spazzatura in un cassonetto e ha trovato una sorpresa: l’incontro ravvicinato con il plantigrado.

preside scuola cassonetto orso
Il preside apre il cassonetto (Screenshot video Facebook – WSYX ABC 6 – amoreaquattrozampe.it)

Gli animali selvatici spesso si avvicinano ai centri abitati alla ricerca di cibo; i secchioni della spazzatura e i rifiuti lasciati dagli esseri umani possono, però, in molti casi rappresentare un serio pericolo per questi animali. Così è accaduto ad esempio a un povero orso negli Stati Uniti d’America, rimasto intrappolato per diverse ore in un cassonetto della spazzatura situato fuori a un edificio scolastico. A trovarlo è stato il preside di una scuola del West Virginia, che ha avuto una spaventosa sorpresa quando la mattina dopo è andato a gettare i rifiuti.

A sorpresa dal cassonetto della spazzatura esce un orso: l’incontro del preside con l’animale (VIDEO)

A riprendere quanto avvenuto sono state le telecamere di sicurezza poste all’esterno della scuola elementare di Summersville in Virginia Occidentale. Le immagini poi diffuse sui social network sono diventate in breve tempo virali.

orso preside incontro ravvicinato
Il preside scappa alla vista dell’orso (Screenshot video Facebook – WSYX ABC 6 – amoreaquattrozampe.it)

Vi aspettiamo sul nostro nuovo canale TELEGRAM con tanti consigli e novità

Il video mostra il momento in cui il preside James Marsh si dirige verso il cassonetto della spazzatura e lo apre. Non appena solleva il coperchio, la testa di un orso nero fa capolino dal secchione: l’animale gira il muso a destra e a sinistra e poi alla vista del preside esce dal cassonetto correndo via terrorizzato. Allo stesso modo reagisce il preside che corre a gambe levate nella direzione opposta. «Quando getti roba in un cassonetto sai che diverse cose finiscono lì dentro, ma non ti aspetti di certo che venga fuori qualcosa di così grande», ha poi scherzato il preside Marsh. Le riprese notturne delle telecamere di sorveglianza avevano immortalato anche il momento esatto in cui l’orso, durante la notte, era entrato nel cassonetto alla ricerca di qualcosa da mangiare, rimanendo poi intrappolato quando il coperchio si era chiuso sopra la sua testa.

orso cassonetto rifiuti scappa
L’orso scappa alla vista del preside (Screenshot video Facebook – WSYX ABC 6 – amoreaquattrozampe.it)

Segui la pagina INSTAGRAM di Amore a quattro zampe e scopri i contenuti esclusivi

Spesso gli orsi si avvicinano ai centri abitati in cerca di cibo. Fino a poco tempo fa, ad esempio, in Abruzzo tra la neve di Roccaraso non era infrequente vedere spuntare dietro alle automobili e ai cassonetti della spazzatura il simpatico orsetto Marsicano di nome Juan Carrito. L’animale, molto socievole con i cani, è stato spesso avvistato mentre si aggirava vicino alle case e si avvicinava incuriosito ai cagnolini che dal canto loro non si mostravano per nulla preoccupati. L’orso ripreso dalle telecamere di sicurezza della scuola della Virginia è invece un orso nero americano o baribal (nome scientifico Ursus americanus), il plantigrado più comune in Nord America. Questa specie di orso è relativamente piccola e dal peso e dalle dimensioni molto inferiori rispetto alle altre specie di orso. Sono tra gli orsi più timorosi nei confronti degli umani: ogni volta che si trovano a stretto contatto con le persone preferiscono, esattamente come accade per l’orso del video, darsi velocemente alla fuga.

Come dimostra il caso dell’orso, i cassonetti della spazzatura rappresentano una fonte di pericolo per la fauna selvatica. Qualche settimana fa, ad esempio, la stessa cosa era accaduta a un povero procione, rimasto intrappolato in un secchione dopo esservi entrato alla ricerca di qualcosa da mangiare. Il salvataggio di questo esemplare è stato messo in atto da una donna che, vedendo il piccolo in difficoltà, è corsa in sua aiuto, come mostra un filmato condiviso sui social network. Sia nel caso del procione sia nel caso dell’orso, non appena sono riusciti a liberarsi sono scappati via spaventati. (di Elisabetta Guglielmi)

Gestione cookie