Home Video Branco di randagi dilania un’automobile in sosta

Branco di randagi dilania un’automobile in sosta

CONDIVIDI

Immagini impressionanti che stanno facendo il giro del mondo: quelle di un branco cani randagi che si accanisce contro un’automobile in sosta. La scena è stara ripresa da una telecamera di sorveglianza. Nel filmato, riportato da diverse testate online, si vede il gruppo di cani che si avvicinano e annusano la macchina bianca, girandole intorno. Poi ad un certo momento si attaccano al cofano dell’auto che iniziano a mordere e a ridurre in brandelli.

Immagini davvero incredibili che mostrano tutta la potenza e in parte, purtroppo la pericolosità dei cani randagi che formano il branco, come abbiamo ricordato tra l’altro in un precedente articolo. In molti paesi e anche a dire il vero, province italiane, si tratta di una realtà scomoda per le istituzioni e molto più frequente di quanto si possa immaginare. In questo caso siamo in Turchia, dove il fenomeno del randagismo è all’ordine del giorno e sono state attuate diverse politiche per contenerlo.

Eppure, finché non sarà diffusa la cultura della sterilizzazione e la sensibilità delle persone a non abbandonare gli animali, questa problematica sarà difficile da sradicare. Non a caso, per quanto riguarda l’Italia, proprio recentemente, un’associazione, la Tana Libero tutti, ha promosso una petizione per la sterilizzazione gratuita dei cani e gatti padronali. Ovvero, animali che hanno un padrone, una casa dove mangiare ma che non sono custoditi e sono lasciati liberi. Questo comporta diffusione di cani in alcune aree, la loro riproduzione incontrollata e di conseguenza un aumento del randagismo.

Nel filmato, capiamo chiaramente ad un certo punto, che il branco ha individuato, nascosto nell’auto una preda. Forse un gatto, nascosto nel motore, e che nonostante l’assalto dei cani, resta immobile e pietrificato nella sua tana di fortuna. Non è dato sapere se alla fine i cani riescono a prenderlo ma in ogni caso, queste immagini sono davvero impressionanti.