Home Video Gettato nella spazzatura: ridotto uno scheletro, trova la forza per abbaiare

Gettato nella spazzatura: ridotto uno scheletro, trova la forza per abbaiare

CONDIVIDI

Storie di ordinaria follia. E’ rimbalzata sui social, l’immagine di un cagnolino emaciato, ridotto pelle ed ossa e allo stremo delle sue forze. Il povero animale è stato trovato casualmente a River Rouge, una località in Michigan, Stati Uniti. Un uomo che stava effettuando dei lavori di giardinaggio ha fatto una macabra scoperta quando ha sentito un flebile lamento provenire dal cassonetto della spazzatura, all’esterno di un’abitazione. All’interno del cassonetto vi era un cucciolo di pochi mesi, ridotto un scheletro. Ormai privo di forze, il povero cagnolino, provato dall’esperienza, rimasto chiuso nel cassonetto per chissà quante ore al sole senza aria, aveva comunque trovato la forza di abbaiare.
L’uomo ha subito provveduto a recuperare il cane e a portarlo presso una centro dove il cane è subito stato preso in cura da un veterinario. Secondo le indiscrezioni, il cane sarebbe morto se fosse rimasto all’interno del cassonetto per un’altra mezzora.

Sul caso è stata ovviamente avviata un’indagine ma, come sempre in questi casi, ci sono poche speranze d’individuare il responsabile, in quanto il cucciolo era privo di microchip.

Le condizioni del cane all’arrivo in clinica erano piuttosto gravi. Il povero esemplare era in uno stato avanzato di denutrizione e di disidratazione. Per questo, il cane chiamato Aaron è rimasto sotto prognosi riservata per almeno 24ore. Fortunatamente, il cucciolo si è rivelato essere un vero combattente, riuscendo a superare le condizioni critiche e ad alzarsi il giorno dopo il suo ricovero. Per lui è stata creata una rete di solidarietà e secondo le indiscrezioni, trapelate dagli aggiornamenti, un’associazione di New York avrebbe preso a cuore il caso di Aaron e si sarebbe resa disponibile ad accoglierlo nel rifugio ed evitare che il cucciolo finisca in un canile municipale dove vi è il rischio eutanasia. Ovviamente tutta la vicenda è rimbalzata sulla cronaca locale e in un servizio del telegiornale della WXYZ-TV Detroit, un agente di River Rouge che sta indagando sul caso ha espresso il proprio rammarico, evidenziato che sarà difficile individuare l’autore del gesto: “Purtroppo gli animali non possono parlare. Ci chiediamo come si possa arrivare ad un gesto del genere”, ha commentato il poliziotto. Mentre i media hanno diramato un appello a chiunque sia in possesso di informazioni utili a risalire al proprietario del cucciolo.

Appelli sui social

Servizio TG locale