Home Video Il procione che sa come far impazzire gli umani per ottenere del...

Il procione che sa come far impazzire gli umani per ottenere del cibo!

CONDIVIDI

ratonlaveur

Un filmato che sta conquistando la rete e gli appassionati di queste tenere creature selvatiche. Si tratta del piccolo procione di nome Rocksy ospitato per un periodo di tempo in un rifugio e tornato in libertà. Ma il simpatico procione sembra non aver dimenticato il rapporto e il legame istaurato con gli umani tanto che ha trovato il modo per rimediare del cibo, portandoli all’estrema prova nervi.

Rocksy è stato filmato in una delle sue solite comparse alla porta finestra dell’abitazione di una signora amante degli animali, alla quale chiede sempre del buon cibo. La cosa che sorprende è che Rocksy si è ingegnato per farsi notare e far il più possibile del rumore: bussando al vetro con una piccola pietra che tiene tra le sue zampe anteriori, riesce in questo modo ad attirare l’attenzione della sua benefattrice!

“Ruba sempre il cibo dei miei gatti e quando la ciotola è vuota, prende una pietra per venire a bussare alla mia portafinestra, graffiandomi tutto il vetro”, ha scritto la signora “vittima” di questa simpatica esperienza, nella descrizione del video pubblicato su youtube lo scorso 8 settembre..

Una storia che secondo quanto scrive al proprietaria della casa va avanti da anni. Ma recentemente, la piccola Rocksy avrebbe avuto una cucciolata che avrebbe nascosto nei pressi della casa e per questo ha aumentato anche la frequenza con la quale “pretende” cibo!

“La amo molto! E’ così divertente”, ha aggiunto la donna.

Rocksy si è abituato al contatto con gli umani dopo un periodo passato in un rifugio. Di norma gli esperti sconsigliano di dare degli alimenti a questi animaletti selvatici in quanto rischiano d’infastidire altre abitazioni, intrufolandosi nelle dispense, esponendosi a numerosi pericoli.

In ogni modo, se non fosse per questo video, raramente potremmo apprezzare l’intelligenza di questi dolci esemplari!

Se non riuscite a vedere il video: cliccate qui