Home Video Va in ospedale a salutare per l’ultima volta il suo padrone

Va in ospedale a salutare per l’ultima volta il suo padrone

CONDIVIDI

mollie

C’insegnano la pietà, la compassione, ad amare senza condizioni. Ci danno la loro fedeltà e la loro vita, in cambio di qualche carezza o di un po’ di cibo. Sono alcuni sentimenti presenti nel cane che per l’uomo si rivelano un mistero e che cerca ogni volta di spiegare o di tradurre in qualcosa di scientifico, elaborando delle correlazioni con l’istinto, la biologia o la natura dell’animale, parlando d’indole e di sopravvivenza. Per la specie umana è difficile ammettere, in base alla “superiorità della” specie, che gli animali provano dei sentimenti e molti comportamenti come i compagni a 4zampe che si sacrificano per il loro padrone, siano capaci di gesti nobili, facoltà riservate all’animo umano.

Ma per chi vive e ama gli animali, la differenza svanisce e quel legame che unisce una persona al suo cane diventa indissolubile fino alla fine. Così è per un dolce cane amato dal suo padrone e che da un giorno all’altro non l’ha più visto tornare a casa. Ogni giorno lo aspettava come sempre. Purtroppo il suo amico umano non è più tornato dopo aver accusato di un forte mal di testa, pensando ad una semplice emicrania, Ryan Jessen, il giovane uomo di 33 anni è finito invece all’ospedale per un’emorragia cerebrale della quale non si è più ripreso. Nel giro di pochi giorni, dopo essere entrato in come, il ragazzo è morto, lo scorso 30 novembre. Quando non ci sono state più speranze per lui, i parenti e i genitori lo sono andato a trovare per un ultimo saluto non senza la compagna a 4zampe di Ryan, di nome Mollie.

“L’ ospedale ha fatto la cosa più dolce per noi e ci ha permesso di portare il cane di mio fratello a salutarlo, in modo che potesse capire perché lui non è più tornato a casa. Lui amava molto il suo cane. Siamo sinceramente commossi ed emozionati per le storie che ci avete condivise, per le parole di conforto e la vostra gentilezza. Non preoccupatevi per il cane. La teniamo con noi, lei è parte della nostra famiglia”, ha scritto la sorella di Ryan, condividendo il commovente video in cui Mollie è andata a trovare il suo padrone, sul letto dell’ospedale, il giorno prima che morisse.

Un ultimo incontro molto emozionante che ha conquistato oltre milioni di persone in tutto il mondo, ottenendo nove milioni visualizzazioni sui social e 90mila condivisioni.

I familiari di Ryan ha riferito che hanno donato gli organi di Ryan, grazie al quale hanno salvato un ragazzo di 17 anni: “Per quanto possa essere triste aver perso Ryan, sappiamo che il suo cuore sta per portare tanta gioia alla famiglia del destinatario”, ha poi aggiunto la sorella.

Una forza d’animo e un coraggio raro ai giorni nostri.