Amorequattrozampe

Quelle immagini di fronte alle quali non possiamo restare indifferenti: gli effetti dei rifiuti

martedì, 4 luglio 2017

Gli animali non sono solo vittime di crudeltà, maltrattamenti, sfruttamento, bracconaggio o violenza gratuita. L’uomo ha ridotto il loro habitat e continua a colpirli indirettamente. Un fotografo naturalista di nome Nick Brandt nel 2016 aveva presentato il suo progetto intitolato “Inherit The Dust” (Ereditare la polvere)  nel quale aveva effettuata una ricerca sugli effetti e l’impatto dello sviluppo umano sull’habitat degli animali. 

 Con l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo, ogni essere vivente subisce le conseguenze dello sviluppo della società del benessere. All’indomani del rapporto di Legambiente Ecomafie 2017 lo scenario nel Belpaese è ancora più tragico. Secondo i dati raccolti dall’organizzazione ambientalista, nel 2016 sono stati registrati 25.889 reati ambientali accertati su tutto il territorio nazionale, per cui dopo la legge sugli ecoreati, sarebbero cresciuti del 20% gli arresti e diminuiti del 7% gli illeciti. Dal rapporto emerge invece il drammatico aumento del ciclo illegale dei rifiuti, del cemento, degli incendi e della cementificazione abusiva, legati alla corruzione: Campania, Lazio e Liguria sono le prime nelle classifiche al Sud, al Centro e al Nord.

Non solo il suolo ma anche il mare diventa il palcoscenico delle testimonianze drammatiche: mammiferi acquatici vittime della plastica, tartarughe marine intrappolate tra gli scarti ma anche leoni marini e uccelli.
Non a caso, l’organizzazione internazionale Greenpeace ha promosso a fine giugno una performance per denunciare gli effetti devastanti dei rifiuti in mare e soprattutto della plastica chiedendo all’Ue d’intervenire per limitare l’uso della plastica.

Ogni singolo cittadino dovrebbe essere responsabile delle proprie azioni anche se a dare l’esempio dovrebbero essere le stesse istituzioni e le aziende produttrici. E’ necessaria una legge per limitare a livello industriale l’uso della plastica e in tal senso, devono essere introdotte delle normi che ne vietano l’utilizzo e che penalizzano chi inquina. I cambiamenti climatici, l’inquinamento del suolo, i rifiuti in mare chiamano alla responsabilità civile e umana per cui non è più tempo di rimandare o di fare finta di nulla. Tutelare l’ambiente significa tutelare ogni specie vivente e creare un futuro migliore e sostenibile per la stessa umanità. Gli animali sono il riflesso dell’uomo e da un punto di vista etico, richiamano le persone e le obbligano a guardasi nello specchio.

Ecco allora una selezione di fotografie che non lasciano indifferenti e che colpiscono per gli effetti provocati dall’uomo, di cui gli animali sono le prime vittime. Come sempre, esseri innocenti che non chiedono altro che vivere.


Commenti