Amorequattrozampe

Angelo, il cane che vegliò la compagna uccisa sulla strada, trova una famiglia

mercoledì, 8 luglio 2015

angeLO

L’amore è un sentimento universale, è più forte di tutto e scavalca i confini delle razze e delle specie viventi. Ci sono molte storie che, grazie alla condivisione sulla rete, hanno svelato al mondo come anche tra gli animali si creano dei rapporti unici di amicizia e di solidarietà, rapporti in cui l’amore è sempre incondizionato.

Tra queste, nel mese di febbraio scorso ha commosso la storia di Angelo, un cane che, per le strade del Vallo della Lucania, in Calabria, era inseparabile dalla sua amica, una quattro zampe chiamata Dasy. Ma come si sa, il destino da randagi non è mai clemente e in quelle condizioni gli animali sono esposti a mille pericoli, in primis quello delle macchine.

E così un giorno la piccola Dasy è rimasta uccisa da un’automobile, lasciando il povero Angelo solo al suo destino. Lui, l’ha vegliata per giorni, senza staccarsi dal corpicino della sua compagna provando a svegliarla di tanto in tanto.

Angelo era stato abbandonato proprio a Vallo della Lucania. Per un po’ di tempo deve avere girovagato nei luoghi fin quando si è unito ad una cagnetta randagia. Divennero inseparabili”, ha raccontato una volontaria locale, spiegando che al momento del ritrovamento di Angelo, “non voleva proprio farci avvicinare. Non è stato facile riuscire a separare Angelo dalla sua compagna. Un legame che andava oltre la morte”.

Il cane è stato trovato in quelle condizioni da un gruppo di volontari che lo hanno tolto dalla strada ma poi Angelo fu trasferito in un canile. Un cane pieno di affetto, con un’intelligenza e una sensibilità molto particolare e che di certo non meritava un destino senza amore.

Grazie all’impegno dell’associazione Pelosi Libération Front (PLF) il cucciolo meticcio un po’ attempato ha finalmente trovato una casa. La notizia è rimbalzata sulle pagine di alcuni quotidiani e sui social.

Per Angelo è stata organizzata una staffetta che si svolgerà l’11 e 12 luglio da Sala Consilina e con sosta in tutti i caselli della A1 fino a Bologna dove Angelo incontrerà la sua futura nuova anima gemella.

Per l’occasione e per sensibilizzare l’opinione pubblica, ma soprattutto per rendere omaggio a questo straordinario cane è stato creato un Angelo tour durante il quale sarà accompagnato dalla più giovane volontaria/staffettista d’Italia,  Silvia, di soli 10 anni.

Per seguire l’evento clicca qui


Commenti