Home Non solo Cani e Gatti Animals Asia libera quattro orsi: “Ma c’è ancora tanto da fare”

Animals Asia libera quattro orsi: “Ma c’è ancora tanto da fare”

CONDIVIDI
Uno degli orsi salvati - FOTO: Facebook, Animals Asia
Uno degli orsi salvati – FOTO: Facebook, Animals Asia

Animals Asia Vietnam dà notizia del salvataggio di quattro orsi: Su Su, Dau Phu, Binh Minh e Jarai si trovano al sicuro, come annunciato dalla associazione animalista che in Asia si batte ogni giorno contro centinaia di casi di soprusi perpetrati ai danni degli animali: “Quei quattro orsi ai quali avevamo dovuto rinunciare tempo fa, ora sono salvi”.

Sono trascorsi ben cinque anni di trattative, negoziazioni e scontri verbali anche duri contro la struttura che teneva i quattro esemplari prigionieri. Venerdì scorso un emissario di Animals Asia aveva effettuato una ispezione per testare le condizioni di vita degli orsi, rimanendo basito per il degrado riscontrato.

La gabbia di Binh Minh aveva addirittura degli spuntoni metallici causati da diverse lesioni alle sbarre, tali da poter ferire in maniera importante l’animale. Pare che da ben dieci anni gli orsi si trovassero in una vera e propria detenzione, ma l’incubo è finito qualche giorno fa dopo un viaggio lungo tutto il Vietnam durato oltre 1200 km. Adesso i quattro si trovano al sicuro in una riserva naturale, e lì resteranno, felici di aver potuto conoscere la libertà.

“Ma non finisce qui, questi orsi vanno ancora salvati e c’è ancora molto da fare – fa sapere Animals Asia Vietnam – le loro condizioni di salute non sono buone e siamo tutti molto preoccupati, specialmente per Su Su, che ha un rigonfiamento al ventre, forse una possibile ernia che dovrà essere rimossa chirurgicamente al più presto”.

“Su Su è da almeno 7 anni che soffriva la sua precedente condizione e non è mai stata sottoposta ad alcuna visita veterinaria. La loro prolungata prigionia ha avuto degli effetti nefasti. Per fortuna tantissime persone da tutto il mondo ci hanno aiutato ed è bello poterli vedere fare cose nuove e sconosciute a loro, senza costrizioni, come assaggiare una mela. Ora ci saranno mesi di cure da affrontare, riabilitazione ed anche operazioni, perciò siamo solo all’inizio”.

Animals Asia ad agosto aveva contribuito in maniera decisiva a liberare un altro orso, Bao Lam, una femmina altrettanto provata da una lunga prigionia.

Animals Asia – Pagina Facebook