Home Non solo Cani e Gatti Atrocità e mutilazioni nei confronti dei maiali: le immagini choc

Atrocità e mutilazioni nei confronti dei maiali: le immagini choc

CONDIVIDI
(foto Lega anti vivisezione)

In queste ore, la Lav, la Lega anti vivisezione, ha diffuso delle immagini scioccanti che provengono dall’interno di un allevamento di suini. Nelle foto vengono documentati gravi maltrattamenti, sovraffollamento di animali in uno spazio non idoneo e una serie di altre atrocità compiute sui maiali. Gravissime le mutilazioni che subiscono e che riguardano mozzatura della coda, troncatura dei denti e castrazione chirurgica, il tutto senza alcuna anestesia e in violazione delle normative vigenti a proposito. Nei giorni scorsi era stato anche diffuso un video che documentava lo scempio perpetrato contro i suini. Dalle immagini si evince inoltre che nessun materiale manipolabile è presente nelle aree di ingrasso.

Roberto Bennati Vicepresidente LAV, ha denunciato: “Non sarebbe la prima volta che vengono documentate condizioni tremende negli allevamenti di suini per la produzione del prosciutto e queste nuove immagini confermano che anche la produzione che lavora sotto il disciplinare del prosciutto di Parma, che, infatti, non prevede specifici requisiti relativi al benessere degli animali nel proprio disciplinare, in realtà non determinano condizioni di vita migliori. Sono immagini che testimoniamo condizioni inaccettabili per qualsiasi consumatore. Il Consorzio del prosciutto di Parma spieghi ora queste condizioni e chiarisca, inoltre, ai propri consumatori perché vengono effettuate mutilazioni come la castrazione senza anestesia, il taglio della coda di routine e la limatura dei denti”.

Sul sito della Lav, che si è rivolta al Ministro della Salute Lorenzin nell’ambito della campagna europea #ENDPIGPAIN di Eurogroup for AnimalsCondizion, viene lanciata una petizione che chiede alla politica e alle autorità competenti l’abolizione di queste atrocità e mutilazioni. Vengono poi ricordati alcuni dati allarmanti che riguardano il nostro Paese: secondo il Censimento Agricoltura ISTAT nel 2010 in Italia il 77% dei suini era allevato in stabilimenti con più di 2000 animali. La denuncia della Lav ricorda che oltre 7 milioni di suini si trovano in appena 1.187 stabilimenti, più della metà dei quali in Lombardia. Infine viene ricordato che oltre l’84% dell’intera popolazione suina si concentra in quattro regioni, tutte nel Nord Italia: Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto.

GUARDA FOTO

GUARDA VIDEO

GM