Home Non solo Cani e Gatti Cuccioli di ligre: cuccioli rari nati in cattività

Cuccioli di ligre: cuccioli rari nati in cattività

CONDIVIDI
contenuto 100% originale
@screen shot video

Ci sono alcune specie che non si possono incrociare per natura tuttavia, in alcuni casi, come ad esempio tra tigri e leoni, laddove s’incontrano possono avvenire accoppiamenti. Ovviamente, si tratta perlopiù di fenomeni che si sono riscontrati in cattività e così ci sono esemplari nati da un incrocio tra leoni e tigri. Nel caso in cui l’incrocio avviene tra un leone maschio e una tigre femmina si tratta di ligre nel caso contrario, ovvero tra una leonessa e una tigre maschio, viene definito un tigone.

Secondo quanto viene riportato da diversi documentari sul tema, esistono nel mondo circa un migliaio di ligre e la maggior parte degli esemplari vivono in cattività. La ligre non è una specie riconosciuta. Tra gli esemplari più noti si annoverano tre cuccioli nati nel 2012 nello zoo di Novosibirsk, in Russia mentre in Italia ci sono tre esemplari ospitati presso il bioparco faunistico d’Abruzzo, a Rocca San Giovanni.

Un video prodotto da Animal Channel racconta la storia di un famiglia, ospitata al T.I.G.E.R una riserva faunistica a Myrtle Beach nel Sud Carolina Stati Uniti. Quattro cuccioli di ligre Yeti, Odlin, Sampson e Apollo nati dall’incrocio tra un leone bianco di nome Ivory e una tigre bianca di nome Saraswati. La loro particolarità e rarità è il colore: ovvero tutti i cuccioli ligre sono bianchi e secondo le indiscrezioni si tratterebbe dell’unico caso al mondo.

Inoltre, gli stessi genitori sono una rarità. Infatti, ci sarebbero ben 1200 tigri bianche in tutto il mondo e solo 300 esemplari di leone.

Il T.I.G.E.R ospita anche un esemplare adulto di nome Hercules, un ligre color sabbia, mascotte del centro. I cuccioli nati nel 2014, crescevano ad una velocità folle, arrivando a prendere fino a mezzo chilo al giorno.

Esemplari socievoli che amano nuotare come le tigri e vivere nel branco come i leoni. Una specie che affascina gli appassionati.

Secondo quanto riferito dal fondatore del Safari park, ogni cucciolo fin dalle prime settimane dalla nascita palesava il proprio carattere. Tra questi, il piccolo Apolo era capo branco, mentre Yeti amava essere al centro dell’attenzione.

Ecco le bellissime immagini di questa straordinaria nascita:

C.D.