Home Non solo Cani e Gatti I licaoni prendono decisioni democratiche all’interno del branco tramite votazioni

I licaoni prendono decisioni democratiche all’interno del branco tramite votazioni

CONDIVIDI

contenuto 100% originale

Una scoperta davvero sorprendente effettuata da un gruppo di ricercatori nel Bostwana che hanno studiato cinque branchi di licaone, ovvero i cani selvatici africani, le loro interazioni sociali e le loro strategia di caccia.

Secondo quanto emerso dall’indagine guidata dal professor Neil Jordan, docente presso l’ateneo australiano e membro della Taronga Conservation Society, e dalla dottoressa Reena Walker della Brown University, i membri del branco non solo comunicano tra di loro ma prenderebbero delle decisioni in modo collettivo, votando.

Gli studiosi avevano notato che nell’ambito di cerimoniali di saluto nei quali si ritrovavano tutti i membri del branco, i licaoni emettevano dei suoni e producevano starnuti continuati. Al termine di questo strano rituale, il branco decideva di spostarsi o di lasciar perdere.

I ricercatori hanno così approfondito l’indagine arrivando ad accertare che all’interno di un branco sono necessari sette starnuti per far prendere una decisione al branco.

Gli esemplari che vivono nel Delta dell’Okavango sono stati muniti di radiocollari e sono stati seguiti per un determinato periodo dai ricercatori che non solo hanno individuato il sistema democratico all’interno del branco e stabilito la funzione degli starnuti, ma anche il quorum per una decisione. Tuttavia, secondo gli studiosi, essendo animali con una gerarchia sociale ben definita, il voto del capo branco ha un valore superiore e spesso basta la decisione del capo branco per far spostare i suoi membri alla caccia. Anche se, come accertato dai ricercatori, il voto di maggioranza non viene mai escluso spesso è il capobranco che lo avvalora oppure no.

In totale tra il 2011 e il 2015 sono stati studiati 68 raid predatori nel corso di 11 mesi tra il 2014 e il 2015 .

Una ricerca interessante in quanto non solo è confermato la teoria del “mutuo appoggio” in natura, ovvero la collaborazione nel branco per la sopravvivenza, ma anche come sia stato stabilito un meccanismo per “per stabilire il consenso del gruppo in una società altrimenti diretta in modo dispotico”.

Il licaone è una specie protetta in via d’estinzione, inserita nella lista rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

C.D.

Per approfondire la ricerca in inglese clicca qui