Home Non solo Cani e Gatti Il rinoceronte di Sumatra si è estinto in Malesia

Il rinoceronte di Sumatra si è estinto in Malesia

CONDIVIDI

rinoceronte sumatra

Il governo della Malesia ha annunciato la triste notizie dell’estinzione del rinoceronte di Sumatra nelle foreste malesiane.

L’annuncio ufficiale della scomparsa di questi esemplari in natura è stato dato dal ministro dell’ambiente malesiano Masidi Manjun: “Ci troviamo di fronte al fatto che il rinoceronte di Sumatra si sta estinguendo una volta per tutto nella nostra vita”, ha commentato il ministro.

Il declino della specie in Malesia è soprattutto provocato dall’uomo: il rinoceronte è stata vittima del bracconaggio per i suoi corni e della deforestazione che ha ridotto il suo habitat naturale, per cui nell’arco degli ultimi decenni, la popolazione si era ridotta del 70% passando a 500 esemplari nel 1980 fino ad una decina di esemplari in cattività e un centinaio di rinoceronti sparsi per le foreste dell’Indonesia.

Vi sono circa nove rinoceronti di Sumatra in cattività, presso lo zoo di Cincinnati, negli Stati uniti, altri tre esemplari nello zoo di Sabah, mentre la Malesia sta tendando di effettuare delle fecondazioni in vitro per conservare la specie, per cui altri cinque esemplari sono accolti nella Sumatran Rhino Sanctuary di Sumatra, in Indonesia.

Secondo le previsione del governo non vi sono speranza sulla conservazione di questa specie. Ecco perché l’estinzione del rinoceronte in Malesia sta spingendo gli ambientalisti come l’organizzazione Save the Rhino International (clicca qui) a fare pressione sul governo indonesiano affinché siano fatti ulteriori sforzi per salvare gli esemplari rimasti in vita e proteggere la popolazione selvatica costantemente minacciata e allontanare in questo senso la sua estinzione.

Gli esperti internazionali stanno chiedendo dei programmi per tutelare gli ultimi esemplari ancora selvatici, tra cui progetti di Intensive Protection Zone (IPZ), ovvero intensificazione di aree protette e un maggior controllo dei rinoceronti, in modo da poterli ricollocare e tutelarli. Una strategia che potrebbe preservare la specie dall’estinzione, come nel caso della tigre in India salvaguardata grazie agli interventi del primo ministro Gandhi.

 

Proprio lo scorso 1 agosto si era svolto a New York un evento per ricordare le specie a rischio estinzione, nell’ambito del quale l’Empire State Building si è illuminato con le fotografie degli animali a rischio (clicca qui)