Home Non solo Cani e Gatti Maiali macellati con occhiali da sole e cappellino, è protesta sui social

Maiali macellati con occhiali da sole e cappellino, è protesta sui social

CONDIVIDI
maiali
@Facebook

Una ragazza ha pubblicato una fotografia nella quale ha voluto denunciare un episodio per certi versi del tutto censurabile. Nell’immagine vengono ritratte le teste di tre maiali macellati all’interno di un punto vendita di Terracina con tanto di cappellini ed occhiali da sole. L’utente ha reso noto il tutto su Facebook, scrivendo: “non ne faccio una questione di etica dell’alimentazione (che pure mi sta tanto a cuore) ma, ora, vi chiedo nel nome dell’etica e nel rispetto della vita, già sacrificata, di diffondere lo sdegno per questo scempio che mi segnala poco fa mia sorella. Vi chiedo di svegliare la vostra coscienza e di muoverci ognuno anche in segnalazioni”. La cosa è stata vista come una iniziativa di cattivo gusto, ed anche come una mancanza assoluto di rispetto verso la vita di questi animali il cui destino spesse volte è segnato praticamente alla nascita.

La questione è giunta anche all’attenzione dell’associazione ‘Movimento Animalista’, che ha contattato direttamente l’esercizio commerciale ‘incriminato’ per richiedere che questa iniziativa venga subito cessata. Si fa infatti riferimento alla spettacolarizzazione della morte in maniera del tutto indegna ed irrispettosa della vita dei poveri maiali e in generale. La cosa è stata definita anche “sgradevole alla vista oltre che lugubre e diseducativa per i tanti bambini che passano in negozio ed ammirano quella mostruosità”. In tal modo non viene affatto incentivato nei più piccoli il rispetto verso gli animali.

Maiali macellati agghindati con cappello ed occhiali da sole, monta la protesta

La fotografia presente su Facebook ha raccolto numerosi feedback, sia da parte di persone vegane o vegetariane che di gente che assume regolarmente anche carne. E tutti si sono dichiarati all’unanimità indignati dalla foto che ritrae le teste dei maiali macellati in queste sembianze. Non è però giunta risposta dal Consorzio Nazionale Dettaglianti, al quale il Movimento Animalista ha chiesto di esporre una posizione in merito. Un’altra grave mancanza di rispetto verso la vita degli animali si è verificata in provincia di Lecce. Qui un uomo ha imbracciato il proprio fucile, tra l’altro non detenuto regolarmente, e ha aperto il fuoco contro un cane che stava semplicemente abbaiando altrove.