Home Cani Il Xoloitzcuintle, il cane sacro protagonista del nuovo film Disney – VIDEO

Il Xoloitzcuintle, il cane sacro protagonista del nuovo film Disney – VIDEO

CONDIVIDI
Esemplari di Xoloitzcuintle (CC-BY-SA-3.0)

Quando una persona pensa a un cane messicano, viene in mente il piccolo e esuberante Chihuahua. Ciò è dovuto in gran parte al gigante del fast food Taco Bell che ha usato il Chihuahua come mascotte e le cui pubblicità televisive hanno ricevuto critiche nel corso degli anni per aver perpetuato gli stereotipi messicani. Ma grazie a “Coco”, la produzione Disney Pixar di quest’anno, un nuovo cane sta divenendo popolare. Il film è ambientato in Messico. Tra i protagonisti c’è un esemplare di nobile e carismatico cane azteco o il cane “messicano senza pelo”: il Xoloitzcuintle.

Il film d’animazione ruota intorno a un ragazzo messicano di nome Miguel che, seguendo il suo sogno di diventare un musicista, fugge da casa e finisce nella Terra dei Morti con i suoi antenati. Miguel è accompagnato da un Xoloitzcuintle di nome Dante. Presentato in Messico e Usa, il film esce in Italia a fine anno. Secondo diverse credenze antiche, questo cane ha la capacità di guidare le anime nel loro viaggio verso gli inferi alla loro morte. Il termine Xoloitzcuintle deriva dalla lingua azteca Nahuatl. ‘Xólotl’ significa strano e itzcuintli significa cane.

Nel vecchio sistema di credenze messicano, Xolotl era il dio della trasformazione, della doppiezza; dell’oscurità e dell’ignoto. Era considerato il fratello gemello del dio supremo, Quetzalcoatl. Era raffigurato come un uomo con la testa di un cane, secondo l’Associazione degli amici del Museo dell’arte popolare messicana. L’origine di Xolos risale a circa 3.000 anni. Per lungo tempo, erano una specie in via di estinzione. La conquista spagnola del Messico li ha quasi spazzati via e da allora sono stati messi da parte.

GUARDA VIDEO

Gli Xoloitzcuintle tornano di moda

L’antica razza infatti ha vinto concorsi di cani in Messico e negli Stati Uniti per essere il cane “più brutto”, nonostante la sua intelligenza, abilità e velocità. Una piccola ma crescente popolazione di Xoloitzcuintles si trova nella zona di Chicago. Sol Hernandez è un residente di Pilsen che possiede una famiglia di cinque Xolos da prima che fossero “alla moda”, ha affermato di recente.

Hernández ha importato il suo primo Xolo, Xihuitl, da Guadalajara, Jalisco nel 2010. Poco dopo, ha portato una femmina, Etskuni, che nel 2016 ha dato alla luce tre cuccioli. La femmina caccia gli scoiattoli. Più in generale questa razza di cani è nota per la caccia al coyote. Il xoloitzcuintle è disponibile in formato miniatura, intermedio e standard. I loro corpi magri e scuri non hanno peli, tranne i ciuffi sulla testa e peli occasionali sulla spina dorsale e sulla punta della coda.

“Hanno bisogno di molto spazio e sono sensibili al freddo, non sono cani normali”, ha avvertito Hernandez. L’uomo è certo che molti vorranno adottare un cane “sacro” dopo aver visto il film. Gli Xolos hanno radici nello stato di Hidalgo e sono concentrati nel Messico centrale. A Chicago, i cani Xolo possono essere trovati in alcune case a Little Village, Albany Park e Cicerone. Nel 2016, lo Xoloitzcuintle è stato ufficialmente riconosciuto come parte del patrimonio culturale di Città del Messico.

GM