Home Non solo Cani e Gatti Perché gli invertebrati sono esseri senzienti: cosa dobbiamo sapere

Perché gli invertebrati sono esseri senzienti: cosa dobbiamo sapere

Perché gli invertebrati sono esseri senzienti? Hanno anche loro una coscienza? Scopriamo insieme cosa c’è da sapere, oggi, su questi animali.

Perché gli invertebrati sono esseri senzienti
(Foto Pixabay)

Quello riguardante gli animali invertebrati sembra essere un dibattito senza fine e la scienza non si ferma mai su studi e ricerche per svelare il mistero che si cela dietro la loro natura così particolare. Si continua a discutere sulla possibile esistenza della coscienza negli invertebrati, sul loro mondo interiore, una tesi che separa le voci dei tanti studiosi di questo affascinante mondo. Vediamo di capire, in questo articolo, perché gli invertebrati sono esseri senzienti.

Perché gli invertebrati sono esseri senzienti

La questione è stata riaperta nel Regno Unito. Vediamo di capire cosa è accaduto di così importante in Parlamento e quale decisione è stata presa sugli animali invertebrati.

Gli invertebrati sono senzienti
(Foto Pixabay)

Si tratta di un punto di svolta per la tutela degli animali, una decisione importante che continua a far discutere molti e che è sicuramente indice di progresso in materia dei diritti per queste creature.

Esistono degli animali, nella nostra immensa natura, ancora incredibilmente sconosciuti e fonte di continui studi per tentare di scoprire sempre di più su di loro, animali affascinanti come gli invertebrati.

Arriva dal Regno Unito una notizia che ha sorpreso ed emozionato tutto il mondo. In Parlamento si è discusso, con il disegno di legge chiamato Animal Welfare (Sentience) Bill, sulla definizione di tutti gli invertebrati come esseri senzienti, esseri cioè in grado di provare alcuni sentimenti come gioia e dolore.

Questo argomento, inoltre, era già stato discusso precedentemente nel Trattato di Lisbona dell’Unione Europea. Da tanto, ormai, la scienza osserva la vita e i comportamenti di questi animali, cercando di scoprire in profondità la loro “anima”, le sensazioni e i sentimenti che possono provare.

La scienza e i test sui sentimenti

Ricordano tutti, ad esempio, l’esperimento su alcuni topi di qualche anno fa. Parliamo di un test che provò la capacità di conoscere e sentire il dolore da parte dell’animale. Così come dei topi sono riusciti a distinguere tra una stanza in cui venivano feriti e un’altra in cui avrebbero ricevuto antidolorifici, esperienza simile è stata vissuta da alcuni polpi.

É stato scoperto, infatti, che anche i molluschi sono in grado di percepire il dolore e non soltanto quello fisico, riuscendo a scegliere il luogo in cui sarebbero stati protetti e non quello in cui sarebbero stati toccati durante l’esperimento.

Potrebbe interessarti anche: Vertebrati e invertebrati: come riconoscere gli animali

Gli invertebrati hanno coscienza: cosa cambia

Siamo di fronte ad una incredibile scoperta che è pronta a cambiare la storia e i diritti degli animali per come li abbiamo sempre conosciuti. Ma cosa cambia precisamente per questi invertebrati? Cosa cambia con la legge britannica? Leggiamo meglio qui.

Gli invertebrati e l'essere senzienti
(Foto Pexels)

Già nel lontano 2010, l’Europa aveva approvato una legge sulla protezione degli animali utilizzati per scopi di ricerche scientifiche, includendo in essa animali come molluschi, seppie e calamari.

Si tratta di una questione complessa che tocca l’etica di noi umani e che allarga la categoria degli animali da proteggere, in cui non esistono più soltanto le creature di compagnia a cui siamo abituati, come cani, gatti e cavalli.

Gli animali sono esseri senzienti e la scienza non si ferma qui, perché continuano ogni giorno studi ed approfondimenti per eliminare ogni dubbio e migliorare la loro realtà e l’ambiente in cui vivono.

É una situazione difficile: scoprendo che gli invertebrati possiedono una coscienza, dobbiamo necessariamente cambiare alcune pratiche che portano gli animali alla sofferenza e ad una vita totalmente lontana dall’idea di benessere.

Tutti gli animali possono provare sensazioni positive e negative, dai pesci ai maiali, ma noi umani non facciamo abbastanza per donare a loro una vita degna. Ogni piccolo passo può aiutare a cambiare il mondo, ciò che occorre sono soprattutto coraggio e volontà.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ilaria G