Home Non solo Cani e Gatti Ragno delle banane: aracnide pericolosissimo del Brasile

Ragno delle banane: aracnide pericolosissimo del Brasile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:55
CONDIVIDI

Il ragno delle banane uno degli animali più pericoloso al mondo. Vediamo quali le caratteristiche fondamentali per riconoscere l’aracnide.

ragno delle banane
(Foto AdobeStock)

Il ragno delle banane il cui nome scientifico è Phoneutria nigriventer è conosciuto anche con il nome di ragno errante del Brasile e ragno di seta dorato per il colore della ragnatela. Molto popolare come aracnide in quanto è in grado di diffondere un pericoloso veleno, con una potenza circa 7 volte superiore rispetto alla vedova nera, che può provocare malori, infezioni e persino morte.

Non sono rari i casi in cui la morte per arresto cardiaco o per asfissia può giungere inaspettatamente anche in tempi abbastanza veloci. Si sono infatti verificati in bambini e soggetti deboli casi anche di morte nel breve tempo di 25 minuti, ma generalmente in individui sani e forti occorrono diverse ore, o anche un paio di giorni e gli effetti che possono essere variabili, (diarrea, vomito, mal di pancia, svenimento, intorpidimento e insensibilità, convulsioni, shock anafilattico) si esauriscono totalmente nel giro di una settimana.

Un’unica conseguenza che potrebbe essere permanente è l’impotenza nei maschi. La particolarità di questo veleno viene studiata dagli scienziati per un eventuale trattamento della infertilità dell’uomo proprio a causa dello strano effetto che ha sugli uomini.

Caratteristiche del ragno delle banane

ragno delle banane
(Foto AdobeStock)

Il ragno delle banane è, come abbiamo precedentemente accennato, una delle creature più velenose del mondo e nel caso ci si trovasse a contatto con questo ragno la cosa migliore da fare e restare impassibili e totalmente immobili, solo così l’aracnide passerà oltre.

Mentre se il ragno dovesse mordere, la zona colpita comincia subito a gonfiarsi e arrossarsi, causando un forte prurito e si potrà capire la gravità della situazione già dal dolore, in quanto se non c’è sofferenza significa che il morso era a secco privo di veleno, in caso contrario è meglio non agitarsi, poiché si velocizzerebbe l’azione del veleno, e recarsi subito al pronto soccorso per farsi iniettare l’antidoto.

Riconoscere il ragno delle banane è al quanto semplice, ricorda un vagamente le tarantole, anche se phoneutria ha un aspetto molto più agile e meno tozzo. Il ragno delle banane è un aracnide abbastanza grande ma le misure variano a seconda dell’area di appartenenza. Parliamo di un ragnodi circa 100 grammi, dove la femmina è tendenzialmente più grande del maschio di 3-4 cm considerando che quest’ultimo misura circa 5 cm e può raggiungere un’apertura di zampe di 15 centimetri.

Stesso discorso per quanto riguarda il colore, anche esso varia a seconda della zona e perciò è possibile trovarli di colore verdi, gialli e rossi, con strisce bianche sulle gambe e macchie bianche sull’addome ed infine anche altri marroni e neri, e che riescono bene a mimetizzarsi con l’ambiente che li circonda.

Quando è spaventato assume una caratteristica posa, con le quattro zampe anteriori sollevate verticalmente, mettendo in evidenza la parte inferiore del corpo, inizia come una danza basculante e colpisce le neurotossine della vittima, agendo sui canali neuronali del sodio. Inoltre per completare la descrizione possiede otto occhi, di cui due paia più grandi e al centro della testa.

Potrebbe interessarti anche: Ragno violino: com è fatto, dove si nasconde e sintomi di morso

Habitat e riproduzione

habitat ragno delle banane
(Foto AdobeStock)

Il ragno delle banane è possibile vederlo in tutto il Brasile, in particolare nella foresta amazzonica e atlantica, ma arriva fino al sud in Argentina settentrionale, Uruguay, Paraguay e a nord in Venezuela. Il suo habitat è vario va dalle zone di luce alla penombra, non costruisce alcuna ragnatela ma si aggira durante la notte per il terreno nascondendosi in crepe come pezzi di tronco, sotto rocce a tumuli di termiti o addirittura in prossimità di insediamenti.

Perfino dentro casa, nascosti nei vestiti, nella spazzatura o nelle scarpe e nei caschi di banane da cui anche l’origine del nome. E proprio nei caschi di banane che cerca riparo anche per riprodursi. All’interno di essi infatti depone le uova in una particolare sacca protettiva, una specie di bozzolo, che attaccano in luoghi riparati.

Da queste piccole sacche che spesso fissa sul casco di banane escono i giovani ragnetti per fortuna innocui fino all’età adulta. Fino ad all’ora non hanno abbastanza forza per mordere e quindi iniettare il veleno nella pelle di un essere umano.

Alimentazione del ragno delle banane

Il ragno delle banane è un animale che vive principalmente la notte, si aggira per procurarsi del cibo, difficilmente aggredisce l’uomo per fame, lo fa solo se si sente minacciato, per il resto sfugge. Si nutre però di tutto che incrocia durante il suo vagabondare notturno. Predilige tendenzialmente i grilli ma passa da qualunque tipo di insetto piccolo o grosso a piccoli roditori e lucertole.

Potrebbe interessarti anche: Ragno pavone, il ragno che danza: caratteristiche e habitat

Raffaella Lauretta