Le rane cantano e ognuna lo fa con il proprio accento: le ultime scoperte

Foto dell'autore

By Diana Cavalieri

Curiosita, Non solo Cani e Gatti

Le rane cantano e questo si sa da molto tempo, ma la scienza ha scoperta che ognuna lo fa con il suo accento particolare, i dettagli.

rana
Rana (Pixabay-Canva-amoreaquattrozampe.it)

Chiamiamo “rana” in genere la maggioranza degli anfibi che fanno parte dell’ordine degli Anuri. Questi piccoli anfibi vivono sia in acqua corrente che acqua stagnante e hanno un verso molto caratteristico che chiunque potrebbe riconoscere.

Tuttavia, non tutte le rane fanno lo stesso suono, in molte occasioni le rane cantano, ma la scienza ha fatto delle interessanti scoperte, ovvero che ogni esemplare ha un proprio accento. Questo è straordinario e diversi esperimenti ed osservazioni hanno tentato di spiegarne il motivo.

Basandoci sulle informazioni pubblicate sulla rivista Focus, cerchiamo di scendere nei dettagli dell’argomento su quello che si credeva e quello che è emerso negli ultimi tempi.

Le rane cantano e ognuna lo fa con il proprio accento: le ultime scoperte

Per le rane i richiami sono fondamentali perché è l’unico modo che hanno per comunicare con i loro simili.

rana nello stagno
Rana nello stagno (Pixabay-Amoreaquattrozampe.it)

Ogni specie ha dei vocalizzi che differiscono per tono, per altezza o frequenza. In questo modo ogni specie ha un canto che è solo suo, unico e irripetibile. Non solo, ma all’interno di ogni specie ci sono poi variazioni tra i singoli esemplari. Quindi, ogni rana ha un suo accento caratteristico.

Questa teoria si sapeva già da tempo, ma gli scienziati attribuivano questa diversità all’habitat. Adesso, dopo nuove osservazioni, pare non sia così. Il progetto di citizen science si chiama FrogID e ha rivelato delle novità sull’argomento.

Prima si pensava che l'”acustica” della foresta fosse determinante per le rane. Loro, a seconda degli elementi che si trovavano nell’habitat, erano in grado di modularsi di conseguenza. Il nuovo studio si è basato, però, sulle rane banjo, le quali sono presenti in una grande varietà di habitat, tutti diversi tra loro.

Lo studio della University of New South Wales, pubblicato su Journal of Zoology, ha usato l’app FrogID per raccogliere i vocalizzi di oltre mille rane distribuite in tutta l’Australia. I dati sono stati poi inviati ad un server che ha messo in relazione i vocalizzi con l’habitat.

Le conclusioni dello studio

Dopo l’analisi dei dati, dei confronti e dei risultati, è emerso che non c’è nessuna corrispondenza diretta tra il gracidio delle rane e l’habitat in cui vivono.

rana
Rana (Pixabay-Amoreaquattrozampe.it)

Secondo i responsabili di questo studio è evidente che una rana, soprattutto le rane banjo presenti in Australia per la maggior parte, non inviano vocalizzi in base alla vegetazione o agli elementi che si trovano in natura come si è sempre pensato. Tuttavia, la variazione dell’accento da rana a rana è dovuta ad una serie di fattori.

Sicuramente l’habitat ha un ruolo, ma è importante considerare anche il clima (la pioggia, in particolare, richiede una modulazione molto diversa), i disturbi delle attività umane e la competizione tra rane.

In conclusione si può dire questo delle rane banjo: che i loro gracidii non dipendono solo dall’habitat ma da un insieme di cose. Adesso non rimane che estendere questo esperimento a tutte le specie di rane per capire se è la stessa cosa per tutte oppure no.

Impostazioni privacy