Home Non solo Cani e Gatti Scatola lasciata in aeroporto per 7 giorni: c’erano tre cuccioli di tigre...

Scatola lasciata in aeroporto per 7 giorni: c’erano tre cuccioli di tigre siberiana

CONDIVIDI

Una scatala lasciata in aeroporto per sette giorni, nascondeva tre bellissimi cuccioli di tigre siberiana. Una scoperta davvero incredibile che si è verificata all’aeroporto di Beirut in Libano. A distanza di una settimana, visto che nessune reclamava il bagaglio, gli operatori hanno deciso di aprirla per il cattivo odore che proveniva dal suo interno.

Le condizioni dei cuccioli erano buone nonostante il fatto che i tre cuccioli appartenenti ad una specie in via d’estinzione non avessero mangiato per giorni. La scatola era piena d’urine ed escrementi e al suo interno c’erano centinaia di vermi.

Secondo le indiscrezioni i cuccioli erano partiti dallo zoo di Nikolaev in Ucraina ed erano diretti allo zoo di Samer al-Husainawi Zoo a Damasco, in Siria, ma sono rimasti bloccati a Beirut. Considerando la superficialità dei responsabili che si dovevano occupare dei cuccioli, le autorità libanese hanno deciso di sequestrare i cuccioli e affidarli ad un’organizzazione animalista locale, la Animals Libanon.

Secondo quanto si apprende, “dal 2012 la madre ha dato alla luce almeno 12 cuccioli e gli altri 9 sono stati tutti venduti ad acquirenti privati”, ha raccontato il presidente della Animals Libanon. Molto probabilmente si tratta di un traffico e di un commercio illegale di specie a rischio perpetrato dallo stesso zoo.

Fortunatamente, per questi tre cucciolo non ci sarà più nulla da temere. Gli esemplari sono stati vaccinati e microchippati come avrebbero dovuto fare gli addetti dello zoo. Ecco perché, sembra che questo viaggio non avesse nulla di ufficiale.

I cuccioli di tigre possono valere migliaia di dollari. E’ possibile che i cuccioli siano rispediti in Ucraina, ma gli attivisti libanesi si stanno battendo per tutelarli, in quanto ad oggi, lo zoo non ha fornito risposte sulla spedizione di questi tre tigrotti.

Scenari davvero raccapriccianti considerando che lo zoo dovrebbe mirare non all’intrattenimento o al guadagno ma alla preservazione delle specie.