Home Cani Addio stiva: sempre più compagnie aeree consentono trasporto del cane in cabina

Addio stiva: sempre più compagnie aeree consentono trasporto del cane in cabina

CONDIVIDI
@Getty images
@Getty images

Lo scorso anno la compagnia di bandiera irlandese low cost, Ryanair aveva espresso la volontà di poter far salire a bordo i cani di piccola taglia sui voli a corto raggio. Da oggi però, non è la Rayanair bensì la compagnia americana Delta che ha deciso di trasportare i cani di taglia piccolo e media direttamente in cabina con i loro proprietari. Secondo quanto riportano i media, sarebbe una scelta competitiva rispetto alle altre compagnie che si stavano orientando in questo senso.

Una decisione che scaturisce dal fatto che sono state riscontrate numerose problematiche e terribili drammi nel trasporto degli animali in stiva, morti o scomparsi  a causa del sistema di trasporto. Ecco perché la Delta ha deciso di cambiare politica e per quanto riguarda i cani di taglia grande, saranno assistiti dal personlale di sicurezza.

Il nuovo regolamento prevede il trasporto in cabina di animali di piccola taglia “carry on pet”, mentre per gli altri è richiesto il trasporto con Delta Cargo (“Ship your pet with Delta Cargo”), che prevede particolari standard e misure per il trasporto degli animali.

Dal 1 marzo 2016, gli animali domestici non ammessi in cabina dovranno essere spediti come merci con questo sistema.

“Molti di noi in Delta sono amanti degli animali, sappiamo che sono importanti membri delle famiglie. Questo cambiamento assicurerà un servizio di alta qualità e affidabile per gli animali domestici quando i loro proprietari sceglieranno di spedirli con Delta Cargo”, ha spiegato Bill Lentsch, senior vice president – airport customer service and cargo operations della Delta.  –

Negli ultimi anni, come ricorda Repubblica, sono state introdotte nuove normative per far viaggiare i cani in tutta sicurezza e per tutelare il loro benessere. Tanto che molte compagnie aeree impongono che trasportino consenta all’animale di stare comoda, di potersi girare e accucciare, deve essere ben aerato, impermeabile, resistente e sul fondo può essere presente un telo e/o altro materiale assorbente. Inoltre il cane non deve avere né guinzaglio né museruola mentre alcune compagnie, non accettano cani sedati e cani e gatti brachicefali che possono avere problemi della respirazione nella stiva pressurizzata.

Alitalia, prevede che animali fino a un massimo di 10 chili, gabbia compresa, possono viaggiare in cabina, mentre quelli con un peso superiore devono essere sistemati in stiva. Air Transat vengono accettati solo cani e gatti ed esclusivamente per il trasporto in stiva, con la sola eccezione dei cani da guida certificati. Lufthansa, un cane o un gatto possono essere trasportati in cabina all’interno della gabbietta (dimensioni massime 55 x 40 x 23 centimetri, anche questa impermeabile e a prova di morso) e il peso massimo dell’animale più il trasportino non deve superare gli otto chilogrammi.  EasyJet non ammette animali né nel bagaglio a mano né nella stiva, mentre cani guida o da accompagnamento possono viaggiare su voli selezionati.

Un approccio alla tutela e al benessere degli animali, esseri senzienti, che al contempo va incontro alle esigenze dei milioni di viaggiatori che spesso devono rinunciare ad una vacanza per il loro compagno 4zampe.