Home Cani Anagrafe canina Puglia: la disciplina regionale in materia di animali d’affezione

Anagrafe canina Puglia: la disciplina regionale in materia di animali d’affezione

L’attuale normativa che disciplina l’Anagrafe Canina della Regione Puglia è la Legge Regionale n. 2/2020. Scopriamo insieme cosa stabilisce.

Anagrafe canina Puglia
(Foto Adobe Stock)

Nel nostro ordinamento giuridico la fonte che disciplina a livello nazionale la materia degli animali d’affezione (e prevenzione del randagismo) è la Legge quadro n. 281/1991. Con essa il Legislatore si è limitato a dettare i principi fondamentali della materia, lasciando alle Regioni il compito di definire la disciplina di dettaglio; la Puglia regolamenta la propria Anagrafe Canina con la L.R. n. 2/2020.

Gli obblighi del proprietario del cane

Il Legislatore, con la Legge quadro n. 281/1991 ha imposto alla Regioni di istituire l’Anagrafe Canina afferente al proprio territorio di competenza. È fatto obbligo per ciascun possessore di cane di procedere all’iscrizione del proprio animale d’affezione nel relativo registro.

Anagrafe canina Calabria
(Foto Adobe Stock)

Contestualmente all’iscrizione, avverrà l’inoculazione del microchip al cane. Esso è un dispositivo, posizionato sul corpo dell’animale, contrassegnato in maniera univoca da un codice di 15 cifre. Tale sequenza numerica, all’atto della registrazione, viene associata all’animale e al suo proprietario.

Pertanto l’inoculazione del microchip da un lato aumenta sensibilmente le possibilità di ritrovare l’animale smarrito, dall’altro inibisce condotte criminose come il reato di abbandono di animali.

Potrebbe interessarti anche: Anagrafe canina Emilia Romagna: la disciplina regionale in materia di animali d’affezione

Anagrafe Canina Puglia: i termini di legge

La Puglia ha innovato molto recentemente la disciplina concernente il controllo del randagismo, l’Anagrafe Canina e la protezione degli animali da affezione, con l’emanazione della Legge Regionale n. 2 del 2020; quest’ultima ha abrogato la L. R. n.12 del 1995, la normativa che precedentemente disciplinava la materia.

Anagrafe canina Lazio
(Foto Adobe Stock)

Sono diverse le novità da segnalare nella nuova normativa; tra essi, l’obbligo di iscrivere anche i gatti nel Registro degli animali d’affezione allineandosi pertanto sia al Lazio che alla Lombardia.

Per ciò che concerne invece l’Anagrafe Canina, il residente nella Regione Puglia che detiene un cane è tenuto ad iscriverlo nel relativo registro entro il termine di 60 giorni dalla nascita o 10 giorni dall’inizio del possesso.

Quest’ultimo termine sembra riferirsi al caso di chi trovi un cane vagante; d’altronde la stessa norma impone di iscrivere l’animale nell’Anagrafe canina, prima di procedere alla sua vendita; questo significa che, a norma di legge, il cane acquistato deve essere già minuto di microchip.

Potrebbe interessarti anche: Anagrafe canina Lombardia: la disciplina regionale in materia di animali d’affezione

Il proprietario ha altresì l’obbligo di segnalare:

  • Lo smarrimento od il ritrovamento del cane, entro 2 giorni dall’evento
  • il cambio di residenza o domicilio, entro cinque giorni;
  • la cessione di proprietà dell’animale, entro cinque giorni;
  • la morte del cane, entro tre giorni dall’evento.

Chi omette di iscrivere il proprio cane nel registro dell’Anagrafe Canina della Regione Puglia, è punito con il pagamento di una sanzione che va dai 100 ai 600 euro; chi non segnala alle Autorità competenti il cambio di residenza, lo smarrimento, la cessione o la morte dell’animale, rischia una multa dai 150 ai 450 euro.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio Scaramozza