Home Cani I cani riescono a farci fare quello che vogliono loro: è uno...

I cani riescono a farci fare quello che vogliono loro: è uno studio a dimostrarlo!

CONDIVIDI

cani manipolatori

Di recente è stato pubblicato un nuovo studio molto interessante sulla psicologia canina riguardo il rapporto sociale tra uomo e cane. La rivista che si occupa del settore, la Animal Cognition ha affermato che: i cani sono abili manipolatori e possono ingannarci per ottenere ciò che vogliono. I nostri cani sono in grado di modificare lo sguardo con il quale ci guardano e sono quindi abili nell’indurre in noi sentimenti tramite le espressioni facciali. E in un certo senso possiamo dire che i cani sono in grado di manipolarci ma non con cattiveria ma facendoci sentire un po’ in colpa.

Come riescono a manipolarci i cani

Si dice proprio che il cane sia il miglior amico dell’uomo, infatti è così, solo che molto spesso a causa del loro sguardi da cuccioli possono trarci in inganno. Sappiamo bene che molto spesso le “defaillance” che abbiamo nell’educare il nostro cucciolo derivano dal fatto che il loro sguardo è altamente coccoloso. E se lo fanno è perché hanno un unico scopo, quello di ottenere ciò che vogliono. Secondo quanto riporta lo studio il cane avrebbe le capacità per studiare le proprie azioni e comportarsi di conseguenza, organizzando quello che si può definire un espediente a tutti gli effetti.

Avete presente quegli occhioni dolci che il nostro cane fa quando compie un’azione sbagliataOppure quando il corpo sembra rimpicciolirsi il loro sguardo ingrandirsi? Quell’espressione che farebbe sciogliere il cuore di tantissimi anche dei peggiori criminali? Ecco esattamente quello sguardo li ne è la prova! Lo studio dimostra che i cani riescono volontariamente a guardarci in quel modo proprio per far scaturire in noi il senso di colpa. E ci riescono alla grande!

cani manipolatori

La ricerca, effettuata dalla dottoressa Marianne Heberlein del dipartimento di Biologia evoluzionistica e Studi sperimentali dell’Università di Zurigo, è partita da una osservazione fatta dalla scienziata sui propri 2 cani: uno dei due cercava di distrarre l’altro, per poi rubargli il letto. Da questa analisi è scaturita una semplice domanda: questo tipo di comportamento lo può riservare anche al suo proprietario? Nella fase sperimentale questi due cani sono stati affibbiati a due umani diversi, Il primo metteva una ricompensa di cibo nella ciotola la altre invece gliela mostrava per poi negargliela.

Nello step successivo i due cani sono stati addestrati perché portassero gli umani fino alle scatole che contenevano i premi. Il primo ricompensata il secondo no. Nella parte successiva sono state fatte vedere tre scatole ai cani, una contenente delizioso snack, un’altra un biscotto e un’altra volta. I cani sapevano bene che una volta finito l’esercizio avrebbero potuto mangiare quelli avanzati; ma è stato chiesto loro di portare le persone alla scatola con il premio e si è visto che non hanno condotto alla ciotola con lo snack delizioso l’accompagnatore meno generoso, bensì lo hanno indirizzato verso quella vuota. Hanno quindi fatto un’associazione in base alla ricompensa che l’umano avrebbe dato loro.

Si tratta di una realtà cognitiva diversa e scientificamente provata. Una Border Collie è riuscita a identificare oggetti specifici. Un esempio? Quando un giocattolo che non conosceva veniva messo insieme ad altri simili, lei lo recuperava nonostante non conoscesse la parola che, nel comando, lo indicava. Intelligenza e furbizia, un quesito per chiudere: forse i cani ne hanno più noi?

cani manipolatori cibo

Lo studio per giungere a conclusioni ha portato i ricercatori ad analizzare le espressioni facciali di un gruppo di cani di famiglia tra gli 1 e 12 anni: attraverso uno strumento chiamato DogFACS, i ricercatori sono riusciti a comprendere come i cani modificavano i muscoli del loro volto e quindi le espressioni facciali a seconda se il proprietario li stava guardando oppure no.

I risultati molto spesso parlano chiaro perché in effetti i cani tendono a rubare il cibo quando qualcuno non li vede, Sanno bene che si fossero visti li potremmo sgridare e appunto guardare in modo diverso e quindi sarebbero indotti ad avere lo sguardo pentito dal senso di colpa o ancor meglio a fare gli occhi languidi per ottenere del cibo. Meglio farlo di nascosto! 🙂

Ma questa manipolazione è indotta da noi o innata nel cane? I ricercatori infatti non hanno ancora capito se i cani siano davvero consapevoli che quella determinata espressione facciale stimolerà la nostra empatia e ci porterà a fare ciò che vogliono o se involontariamente li abbiamo ‘addestrati‘ a mettere in atto quello sguardo per raggiungere il loro obiettivo.

B.M