Home Cani Gli animali domestici possono essere allergici all’uomo?

Gli animali domestici possono essere allergici all’uomo?

CONDIVIDI

Il tema delle allergie è sempre trattato in modo “antropocentrico”. Ovvero, l’argomento riguarda le allergie delle persone agli animali, al pelo o agli acari che trasportano. Eppure, sembra quasi assurdo, ma lo stesso vale per gli animali domestici che possono essere a loro volta allergici agli umani. E’ quanto riporta, in un approfondimento, il sito americano thedodo che ha interpellato Becca Falender, veterinario presso l’ospedale di emergenza e specialità veterinaria di DoveLewis a Portland, nell’Oregon. La Falender ha confermato che un cane o un gatto possono essere allergici al proprietario. Anche se si tratta di casi rari, è comunque possibile.

Secondo quanto precisato dalla Falender, più che allergia alle persone, gli animali domestici potrebbero avere delle reazione allergiche alle sostanze che le persone utilizzano come i profumi, gli shampoo, creme, farmaci o detergenti.

In base agli studi, gli animali domestici come le persone soffrono di allergie in determinati periodi dell’anno come la primavera ma anche in alcuni ambienti dove sono presenti polveri, pollini, la muffa o altri agenti che possono essere irritanti. “Tuttavia – precisa la veterinaria- gli animali domestici possono anche essere allergici a varie cose che incontrano nella loro vita quotidiana”.

I sintomi allergici negli animali domestici

Gli animali possono palesare diversi sintomi allergici che variano dalle reazioni cutanee, agli starnuti, sospiri, il naso che cola, fino alla diarrea o il vomito. Queste reazioni potrebbero indicare anche una forma d’intolleranza all’alimentazione oltre che all’ambiente.

“Possono anche avere prurito e delle infiammazione della pelle, orecchie infiammate o infette, perdita dei peli, ferite, zampe gonfie e prurito agli occhi. Inizialmente l’animale tenderà a grattarsi ossessivamente, a leccarsi, a mordicchiarsi la pelle e potrebbero arrivare anche a grattarsi continuamente su qualsiasi superfici, un mobili, il tappeto o sul muro”, spiega la veterinaria.

Si tratta di comportamenti che non possono essere sottovalutati e sono un campanello di allarme per i proprietari. Infatti, se questi primi sintomi non vengono curati, possono peggiorare e provocare lesioni più gravi o infezioni.

Le cure variano in base al tipo di allergia che deve essere accertata da uno specialista. A volte è sufficiente cambiare la dieta alimentare di un animale. Oggigiorno ci sono diverse cure d’immunoterapia che possono aiutare a ridurre le reazione allergiche di fido o felix e migliorare le loro condizioni di vita.

Per quanto riguarda le allergie che scaturiscono dall’ambiente è bene ripulire la casa dagli allergeni come i detergenti sul pavimento e pulire le stanza con l’aspirapolvere.

C.D.