Home Cani L’american water spaniel: una razza per i più giovani

L’american water spaniel: una razza per i più giovani

CONDIVIDI

Le sue origini sono sconosciute: si ipotizza che possa discendere dal Water spaniel irlandese e/o del Curly coated retriever. Il riconoscimento ufficiale è piuttosto recente, risalendo al 1940.

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE:

È un cane attivo, muscoloso, di taglia media, di costituzione solida. Appare pieno di forza, ma non privo di distinzione. Possiede sostanza e ossatura sufficienti per portare una buona muscolatura, ma non deve apparire pesante. Il suo cranio è ampio e solido, con stop marcato; il muso è abbastanza allungato e di forma quadrata, con dentatura perfetta e narici sviluppate. Gli occhi sono color nocciola o marroni; le orecchie sono ampie e lunghe; la coda è mediamente lunga e leggermente ricurva. Pelo: riccio, non ruvido, impermeabile. Colore: color fegato o cioccolato scuro; piccole chiazze bianche sul petto e sulle dita non sono considerate difetti. Taglia: la sua altezza è di circa 38-45 cm e il suo peso di 13-20 kg circa.

CARATTERE E ATTITUDINI:

È stato sviluppato negli Stati Uniti come cane da caccia polivalente, in particolare adattato a riportare la preda a partire da imbarcazioni leggere e per lavorare su terreno asciutto con relativa facilità. È un eccellente riportatore su terreni difficili; specializzato nella caccia all’anatra, alla quaglia, al fagiano, al gallo cedrone e al coniglio selvatico. Ha anche una discreta attitudine alla guardia. Molto appassionato al suo lavoro, è caparbio ma docile ai comandi e quindi facilmente addestrabile.

SALUTE E CONSIGLI:

Recentemente ha cominciato a diffondersi anche come cane da compagnia e da show, ma non è adatto alla sola vita di appartamento perché necessita di molto esercizio fisico. Da cucciolo, quando ha una età tra i 2 e i 5 mesi, un American water spaniel raddoppia il proprio peso. Non bisogna esagerare con il cibo, infatti se l’alimentazione è troppo energetica può turbare il processo di crescita favorendo le malattie ortopediche dello sviluppo (DOD).