Home Cani Le frasi ricorrenti di chi non conosce i cani

Le frasi ricorrenti di chi non conosce i cani

CONDIVIDI

Molte persone che non hanno gli animali si sorprendono di alcuni comportamenti di chi vive ogni giorno con al fianco un 4zampe. Spesso è stato evidenziato l’apporto sulla salute della presenza di un animale in una casa: dai benefici sul sistema cardiocircolatorio, a quelli del sistema immunitario fino al lato più prettamente psicologico per cui sviluppano maggiore empatia. Ci sono episodi di persone intolleranti a tal punto che addirittura una cosiddetta “gattara”, ormai in via d’estinzione, è stata linciata per la strada, in quanto alcuni condomini non volevano il passaggio dei gatti o la presenza di ciotole per i piccoli felini randagi.
Casi rappresentativi del divario che separa un amante degli animali da quelli che non sanno cosa significa averli. E così molto spesso si ricade nei luoghi comuni, in frasi fatte, ricorrenti che meglio non pronunciare in presenza degli animalisti.

Ecco allora una lista delle cose che chi non ha animali tende sempre a mettere in primo piano:

Il disgusto per il cane che lecca qualcuno: per chi li conosce sa che è il loro modo di mostrare amore e affetto

La casa piena di peli: ovviamente tutto dipende dal grado di mania per l’igiene e anche dal livello di igiene del proprietario.

Il cane che sale sul letto: bastano pochi accorgimenti come un telo e il gioco è fatto. L’amore va oltre a determinati comportamenti conformisti.

La rottura del portar fuori il cane ogni giorno:  si tratta di un’abitudine come tante che in realtà aiuta a stare all’aria aperta e a socializzare. Un piccolo sacrificio che in compenso offrirà tantissimo relax e regalerà un amore e una gratitudine insostituibili.

Un cane essendo un animale può diventare pericoloso: ovviamente anche in questo caso, l’argomento può suscitare una polemica, in quanto a differenza degli umani, nella maggior parte dei casi, l’indole del cane è pacifica.

Non dovrebbero far entrare i cani in alcuni luoghi. C’è una normativa che regolamenta la presenza dei cani nei luoghi pubblici. Basta informarsi. La prima risposta immediata che suscita è: “Secondo me non dovrebbero far entrare alcune persone: come gli alcolizzati ai bar, coloro che soffrono di shopping cmpulsivo nei negozi o quelli che non si sono fatti la doccia al mattino!”

Parli del tuo cane come di tuo figlio: cosa dire? Ecco un altro luogo comune al quale a volte vale la pena non dare peso. Quando un animale viene accolto in una casa, entra a tutti gli effetti a far parte della famiglia.

Perché parlare al cane, tanto non capisce: Argomento topic e ricorrente per cui dovremmo spiegare ad alcuni individui che a volte un silenzio vale più di mille parole. Inoltre, gli animali e nello specifico i cani hanno facoltà maggiori di capire le persone, rispetto agli umani stessi. (clicca qui)

Meglio che i cani non siano nella stessa stanza dei bambini.  Molte ricerche hanno dimostrato che la presenza di un animale in casa con i bambini non solo aiuta quest’ultimi a sviluppare l’empatia e la socializzazione, ma anche ad essere più resistenti dal punto di vista del sistema immunitario.