Home Cani L’età ideale per adottare un cucciolo senza incorrere in problemi comportamentali

L’età ideale per adottare un cucciolo senza incorrere in problemi comportamentali

CONDIVIDI
cuccioli nati da poche settimane

Per adottare un cane, si sà servono tanta pazienza tempo e soprattutto  tanti piccoli accorgimenti.

Il primo accorgimento ovviamente riguarda a quante settimane si può separare il cucciolo dalla mamma e i suoi fratelli.

In questo articolo vi daremo alcuni consigli sul’età nel quale potrete avere un cucciolo che crescerà sano e forte.

Età ideale per adottare un cucciolo

I cuccioli hanno sostanzialmente  bisogno come la maggior parte dei mammiferi di passare i primi mesi di vita in compagnia della mamma e i suoi fratellini /sorelline.

Il momento ideale per adottare un cucciolo è stabilito in base all’equilibrio tra nascita allattamento e socializzazione.

Il periodo neonatale va dagli 0 ai 10 giorni di vita, successivamente c’è il periodo di transizione che va dai 10 ai 30 giorni di vita del cucciolo e successivamente, avviene il periodo di socializzazione che va dai 30 ai 120 giorni.

Diffidate sempre da chi sostiene che il cucciolo può essere tolto dalla mamma anche a 40 giorni.

Il cucciolo infatti salterebbe una fase importantissima della crescita ovvero quella della socializzazione.

Svezzamento del cucciolo

Lo svezzamento è la fase più importante, il cucciolo appena nato si attacca subito alla mammella della mamma assorbendo un siero lattiginoso pieno di nutrimento.

Questo siero  consentirà il suo sviluppo, e grazie al contatto, servirà ad instaurare  un rapporto  di reciproca fiducia tra mamma e cucciolo appena nato.

Per i cuccioli orfani ovviamente è un altra storia, in quel caso infatti sarà l’umano a provvedere al sostentamento del piccolo allattandolo con l’ausilio di un biberon circa ogni 3 ore.

In ogni caso lo svezzamento è un periodo molto stressante  sia per il cucciolo che inizia ad apprendere,e per la madre che diventa una sorta di “latteria”.

Proprio per questo, questo processo dovrebbe essere graduale e controllato.

Socializzazione del cucciolo

La socializzazione è una parte molto importante sopratutto per il carattere del cucciolo ed inizia verso i 40 giorni, in questa fase infatti la mamma e gli umani iniziano ad educare il cucciolo.

La socializzazione è fondamentale. E  come  un processo in cui il cane impara a gestire gli esseri viventi nel suo ambiente,

È durante questo periodo che i cuccioli imparano ad essere cani, mentre giocano con i loro compagni, imitano il combattimento, la caccia, la cattura, l’attività sessuale e i comportamenti di guardia.

È in questo modo che i cuccioli sviluppano le abilità di cui avranno bisogno in seguito nella vita.

Imparano i comportamenti associati alla dominanza e alla sottomissione e allo stesso tempo anche le abilità comunicative di base .

Se vengono allevati in un ambiente in cui hanno frequenti interazioni con gli umani, imparano anche ad associarsi e legarsi con le persone.

Se il cucciolo non  inizia a socializzare durante questo periodo di tempo,  le possibilità che in futuro possa diventare un cane adeguatamente socializzato saranno veramente molto scarse.

Un cane poco socializzato tende ad essere più pauroso e avrà difficoltà ad adattarsi al mondo dei cani e delle persone.

Ci sono  prove attendibili che dimostrano che in base a l’età in cui il cane viene ceduto ai nuovi proprietari, e quindi portato via dalla mamma, che  fanno molta  differenza per il carattere del cucciolo.

La separazione precoce infatti è dannosa e incide notevolmente sulle problematiche che potrebbero verificarsi nel cane da adulto.

Qual’è quindi il momento migliore per adottare un cucciolo?

Si consiglia di non prendere mai un cucciolo prima di 60 giorni ovvero non prima dei suoi 3 mesi di età.

Dopo il compimento del terzo mese il cane è infatti pronto per essere portato nella sua nuova casa e per iniziare a socializzare con i componenti della sua nuova famiglia.

Il cane nei primi 3 mesi impara a giocare senza farsi male e soprattutto riceve tutto l’amore possibile dalla madre.

Quindi non adottatelo mai, se possibile,  prima del compimento del terzo mese.

Altrimenti potreste ritrovarvi un cane che ha paura anche della sua stessa ombra e con altri  problemi comportamentali.

potrebbe interessarti anche—>Cane aggressivo quando mangia: come modificare questo comportamento

3 mesi è l’età perfetta

Al raggiungimento del terzo mese di vita le capacità cognitiva del cucciolo è abbastanza sviluppata per iniziare a comprendere sia l’addestramento sia l’importanza della socializzazione anche con l’essere umano.

Dopo i primi tre mesi di vita avrete un cane privo di problemi comportamentali seri.

E ovvio che essendo un cucciolo farà sicuramente qualche marachella, ed è proprio per questo che dovrete dedicargli molto del vostro tempo libero.

Il vostro tempo è molto importante per il cucciolo a cui dovrete insegnare l’educazione e sopratutto il rispetto per i voi.

Ogni cane ha il proprio carattere e il proprio istinto, prendere un cane prima del terzo mese significherebbe amplificare il già faticoso apprendimento del cucciolo.

Ovviamente bisogna stare attenti anche se il cane ha già compiuto il terzo mese, ogni esperienza negativa si ripercuoterà sul futuro del cane.

Una visita veterinaria effettuata in maniera errata potrebbe come conseguenza portare il cane ad aver paura per tutta la sua vita del veterinario.

Quindi fate molta molta attenzione, e se le condizioni di vita con la mamma del cucciolo e con la famiglia d’appartenenza  sono ottimali potreste pensare di adottare il cucciolo anche a 90 giorni.

Adottare un cane adulto

Se pensate di ovviare a tutti questi problemi adottando presso un canile o un rifugio un cane adulto vi sbagliate.

Il cane adulto ha già superato tutte le fasi fondamentali dello sviluppo e adottandolo potreste incorrere in altre problematiche, dato che non conoscereste approfonditamente la sua storia passata.

Con questo non vogliamo assolutamente scoraggiarvi nell’adozione di un cane adulto, è solo per rendere presente il fatto che se non avete abbastanza tempo da dedicare ad un cucciolo non l’avrete neanche per dedicarlo ad un cane più adulto.

Vogliamo anche far presente e ricordare che salvare un cane più avanti con l’età, da una gabbia per la vita, è non solo un gesto di grandissima benevolenza, ma sopratutto un gesto stupendo per ridare la vita a chi è prigioniero di un’esistenza che non gli appartiene.

potrebbe interessarti anche—>Comportamento cani: cosa fare quando il cane morde?

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI