Home Cani I nostri amici cani e nove gesti da non sottovalutare

I nostri amici cani e nove gesti da non sottovalutare

CONDIVIDI
(Pixabay)

Il comportamento dei cani è oggetto degli studi più disparati e molto spesso incappiamo nell’errore di darne letture sbagliate. Infatti, altri suoi segnali risultano più sottili e di facile fraintendimento. Per fare un esempio, chi di noi non è convinto che il cane gradisca gli abbracci? Aveva destato molta curiosità la vicenda di Sorasart Wisetsin, un giovane thailandese, che è stato ribattezzato “l’uomo che abbraccia i cani randagi”. Senza cercare vicende ‘esotiche’, da 15 anni, Giulia Malafico è la miglior amica dei suoi cani.

In realtà quando abbracciamo il nostro cane gli provochiamo un forte stress e ansia. Lo scrive su “Psychology Today” il dottor Stanley Coren. Qualche giorno fa, è diventato una star del web un cane di razza corgi che si è reso protagonista di un siparietto davvero simpatico. Infatti, il cagnolino sembrava desideroso di condividere un osso con qualche amico, lo ha colpito con la zampa diverse volte, avvicinandolo a uno specchio. In base a un recente studio pare che i cani non riconoscano la loro immagine riflessa. Tuttavia, i ricercatori sono scettici in quanto questo tipo di test non sarebbe specifico né rispetta quello che sarebbe il linguaggio e il sistema di comunicazione del cane, per cui gli esiti del test allo specchio non riflettono, né tanto meno provano che  l’animale non abbia coscienza di sé.

Nove comportamenti a cui si dà poco peso

Sono solo alcuni esempi di luoghi comuni da sfatare, ma tendenzialmente sono tanti i comportamenti dei cani a cui diamo poco peso. Ne elenchiamo nove, a partire da uno dei più comuni: il cane che porta indietro un dono. A tanti sarà capitato di vedersi recapitare un oggetto dal proprio cane. Perché lo fa? E’ molto semplice: il cane in questo modo mostra affetto e gratitudine.

Anche quello di salire sul letto è un gesto consueto: la ragione sta nel fatto che per i cani dormire insieme agli altri membri è un comportamento innato. Se invece  si accuccia con la testa tra i vostri piedi, sta dimostrando una sorta di senso di appartenenza. Un cane a pancia in su è sinonimo di richiesta di concentrazione ed è un gesto che avviene se l’animale è a suo agio e rilassato.

Se invece sbadiglia lo fa esattamente per il nostro stesso motivo: potrebbe essere stanco o annoiato. Dovete allarmarvi se invece fanno qualche danno in casa: in quel momento, i cani soffrono di ansia da separazione. Insomma, non sono annoiati ma reclamano attenzione. Se invece camminando si appoggia alla vostra gamba, lo fa perché ha una sorta di senso di insicurezza, chiede incoraggiamento.

Il cane che si rannicchia vuole essere invisibile o pensa di esserlo. E’ un comportamento tipico di cani randagi o abbandonati, se lo fa un cane domestico magari ha bisogno di coccole, non sottovalutatelo. Infine, state tranquilli se vi fissa: è il gesto d’affetto più bello che possa fare. Significa che vi ama e si fida di voi.

 

GM