Home Cani Il Pudel Pointer: il cugino del barbone

Il Pudel Pointer: il cugino del barbone

CONDIVIDI

Il Pudelpointer è un cane da ferma a pelo duro, di origine tedesca, adatto sia per la caccia in pianura che in quella nel bosco o in acqua. Riconosciuto dalla FCI nella sezione 1 gruppo 7 cani da ferma continentali. Venne creato alla fine del XIX secolo, presumibilmente dall’incrocio tra Barbone francese e Pointer inglese, con l’intento di ottenere un cane estremamente eclettico. Dal Pointer ha ereditato doti eccezionali per il lavoro in pianura.

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE:

Il tipo ideale è il soggetto costituito come un Pointer pesante, di altezza al garrese 6065 cm, con pelo ruvido, non troppo lungo. La testa, di lunghezza media, è larga, con pelo ispido che forma barba e sopracciglia folte. Gli occhi sono grandi, rotondi, vivi, di espressione intelligente, di colore da bruno scuro a nocciola. Le orecchie sono di grandezza media, pendenti piatte sulla guancia, non ispessite né carnose, più appuntite che arrotondate e ben dotate di pelo. La coda, attaccata come quella del Pointer, è portata orizzontale e dritta, dotata di pelo duro, senza pennacchio. Dove il taglio è consentito può essere accorciata fino a farle raggiungere l’estremità inferiore della vulva nelle femmine e a coprire i testicoli nel maschio. Pelo: quello ideale è duro, di lunghezza media, ruvido e fitto. Deve essere corto sulla parte inferiore degli arti. Colore: nero, bruno o di color da foglia morta a formentino. Non è ammesso alcun colore bianco o striato a meno che non sia limitato a macchie insignificanti. Taglia: maschi 60-68 cm; femmine 55-63 cm.

CARATTERE E ATTITUDINI:

È un cane da ferma e da caccia polivalente, adatto a ogni genere di compito e di selvaggina: viene utilizzato per la caccia alla pernice, al coniglio selvatico, alla volpe, all’anatra. Il carattere è allegro, vispo, energico; è anche un gran coccolone, intelligente e docile, facile da educare e addestrare.

SALUTE E CONSIGLI:
Ha una grande passione per l’acqua e il nuoto, che probabilmente gli deriva dall’influsso del Barbone nella sua selezione.