Home Cani Conosciamo il Puggle, il simpatico incrocio tra un Beagle e un Carlino

Conosciamo il Puggle, il simpatico incrocio tra un Beagle e un Carlino

Temperamento del Puggle: la strabiliante personalità di questo incrocio

puggle incrocio
Le caratteristiche vincenti del Puggle? Dolcezza e intelligenza (Foto Pixabay)

Come abbiamo visto, il Puggle è un incrocio tra due razze diverse. Per questo, è difficile stabilire in partenza il carattere dei singoli esemplari. Nella maggior parte dei casi, si tratta di un cane molto affettuoso ed estroverso, che rappresenta un’ottima scelta per chi gode della compagnia di un altro quattro zampe.

Infatti, il Puggle va d’accordo con i cani, ma non sempre accetta la presenza dei gatti. Perfetto amico per i bambini e gli anziani, necessita di stimoli ed esercizi che assecondino la sua vivacità.

Per questo, sono fondamentali regolari passeggiate con il cane, oltre che giochi all’aperto per mantenerlo sempre attivo. Il Puggle è un cane estremamente intelligente e amante delle nuove esperienze: non sarà difficile comunicare con lui.

Qualora tu decida di sottoporlo a un periodo di addestramento, sappi che è un quadrupede molto propenso al rinforzo positivo. Complimenti e snack saranno i perfetti premi per questo simpatico quattro zampe.

Potrebbe interessarti anche: Labradoodle: la razza creata in laboratorio con problemi di salute

Salute e disturbi frequenti nel Puggle

cane
Trattandosi di un incrocio tra Carlino e Beagle, il Puggle potrebbe presentare disturbi a cui sono predisposte le razze di partenza (Foto Adobe Stock)

La durata media della vita del Puggle va dai 10 ai 15 anni. Da un lato, c’è la possibilità che l’animale sviluppi patologie a cui sono predisposte le razze di partenza; dall’altro, però, non è escluso che, grazie alla diversità genetica ottenuta attraverso l’incrocio, il rischio di sviluppare malattie ereditarie si riduca.

in generale, il Puggle risulta predisposto all’insorgenza dei seguenti disturbi:

  • Ipotiroidismo nel cane, che può essere facilmente gestito con trattamenti farmacologici;
  • Stenosi delle narici, che colpisce animali con il muso particolarmente schiacciato, provocando difetti di respirazione;
  • Epilessia;
  • Lussazione della rotula
  • Lussazione congenita dell’anca
  • Occhio a ciliegia, ovvero il prolasso della ghiandola lacrimale della palpebra accessoria

Laura Bellucci