Home News Labradoodle: la razza creata in laboratorio con problemi di salute

Labradoodle: la razza creata in laboratorio con problemi di salute

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:23
CONDIVIDI

Labradoodle: la razza creata in laboratorio con problemi di salute

Rivelazioni imbarazzanti da parte del creatore della razza Labradoodle, un incrocio tra il Labrador e il Barboncino.

“Ho rilasciato il mostro di Frankenstein”, ha ammesso l’australiano Wally Conron, che ha dedicato la sua vita agli incroci tra labrador e barboncino.

Conron è dispiaciuto per le conseguenze che sono emerse dopo l’ibridazione. La popolarità di questa nuova razza, afferma l’allevatore, viene sfruttata da allevamenti non etici e spietati.

Questi cani frutto dell’incrocio, come molte razze recenti, hanno gravi problemi di salute e molti di loro tendono ad impazzire.

Leggi anche–> Razze di cani create dall’uomo nel XX secolo

La razza è stata creata a metà del XX secolo per un obiettivo preciso. Quello di realizzare una razza adatta per il ruolo di cane guida. Ovvero che avesse le predisposizioni caratteriali del labrador e le qualità del barboncino, tra le quali quella di essere una razza ipoallergenica

>>Razze di cani che non perdono il pelo

L’allevatore ricorda che il ladradoodle è nato dalla richiesta di una donna cieca delle Hawaii che voleva un cane ma il marito era allergico. In questo modo, è riuscito ad ottenere tre cuccioli, uno dei quali fu dato alla signora delle Hawaii, mentre gli altri due furono pubblicizzati in degli annunci pubblicitari.

L’allevatore è pentito. Infatti, secondo quanto ha dichiarato “molti labradoodle hanno displasia dell’anca, problemi al gomito e altre malattie non così tipiche per entrambe le razze originali. Mi sembra che la stragrande maggioranza abbia tendenze ad impazzire o forse un problema genetico ereditario”.

Negli anni Ottanta, Wally Conron ha cercato di ottenere il riconoscimento della razza  “labradoodle” e di prendere un brevetto per impedire che si diffondesse e fosse sfruttata da altri allevatori. E’ stato un fallimento. Da allora, molti allevatori hanno sperimentato questi incroci.

“Persone non etiche e spietate” che creano gli incroci per rivenderli a prezzi costosi.

“Lo scopo della cinofilia è innanzitutto la conservazione della biodiversità attraverso la valorizzazione delle razze canine e della loro funzione. Le attitudini sono state infatti determinanti nel costruire una relazione vincente con l’uomo. Una cosa è cercare di valorizzare le razze autoctone presenti sul territorio, altro è crearne continuamente di nuove per soddisfare le esigenze effimere del consumismo globale. La selezione delle razze canine oggi deve puntare alla salute degli animali e al loro più completo utilizzo nella società contemporanea”, ha commentato al Corriere della Sera, Dino Muto, presidente dell’Enci, l’Ente nazionale della cinofilia italiana.

Ti potrebbe interessare–>
>> Cani di razza e patologie congenite
>>L’evoluzione delle razze nell’arco di un secolo per compiacere gli acquirenti
>> Cani geneticamente più muscolosi da destinare alle forze dell’ordine. 
>>L’ultima mostruosità: crescita dei cagnolini modificata per farli essere il più piccoli possibile
>> Le razze di cani ibride che somigliano ai lupi

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI