Home Cani Razze pericolose in Italia: ecco cosa dovrebbero fare i proprietari

Razze pericolose in Italia: ecco cosa dovrebbero fare i proprietari

CONDIVIDI
Cane della Serra da Estrela
Cane della Serra da Estrela

Il Ministero della Salute ha pubblicato in Gazzetta ufficiale l’ordinanza che proroga quella del 6 agosto 2013 sulla tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani (clicca qui).

In tal senso l’ordinanza prevede che i cani debbano portare  la museruola e il guinzaglio in luoghi pubblici e che i Comuni organizzino percorsi formativi per i proprietari di cani pericolosi. Inoltre, i comuni e i servizi veterinari delle Aziende sanitarie locali possano organizzare percorsi formativi per i proprietari di cani, con il rilascio di un attestato di partecipazione, con la collaborazione delle associazioni dei medici veterinari e con quelle di protezione animale.

I percorsi formativi su base volontaria possono essere promossi e organizzati autonomamente anche da medici veterinari liberi professionisti nel rispetto dei criteri indicati, informando comune, Asl e Ordine professionale.

Plauso della Lega antivivisezione Lav, rispetto ad una norma che “rafforza il sistema di prevenzione del rischio di aggressione da parte di cani, implementando la formazione dei detentori di animali per migliorare la loro capacità di comprensione e gestione degli stessi”.

Tuttavia sottolinea la Lav è “ormai improcrastinabile la sua trasformazione in legge che stabilisca pene certe per i trasgressori e offra uno strumento che non ha bisogno di essere costantemente rinnovato”.

In Svizzera è obbligatorio un patentino per i proprietari di cani che si approcciano ad un cane per la prima volta. Si tratta di un importante strumento mirato all’educazione del padrone che deve imparare a conoscere il cane e il suo linguaggio (clicca qui)
Ecco le 15 razze canine e di incroci di razze a rischio di aggressività: “Per la loro recente o incompleta domesticazione e la loro storia evolutiva e selettiva si configurano a rischio di gestione e/o inadatte alla vita in ambiente urbano. Ciò per le loro spiccate reazioni di difesa attiva, di territorialità e vigilanza e per la mole gigante di alcune di esse”.

American Bulldog:  razza canina originaria degli USA
Cane da pastore di Charplanina: si tratta di un cane da pastore della Sar-planina, catena montuosa ai confini tra Macedonia e Serbia.
Cane da pastore dell’Anatolia: una razza di cane originaria dell’Anatolia (Turchia centrale).
Cane da pastore dell’Asia centrale: razza canina molossoide di origine russa. La maggior parte degli esemplari di questa razza si trova in Russia. La razza è stata creata nella ex-URSS partendo da cani di razza provenienti dal Turkmenistan, Kazakhstan e Uzbekistan.
Cane da pastore del Caucaso:  una razza di cane di grande taglia popolare in Azerbaigian, Georgia, Armenia e Russia.
Cane da Serra da Estrela: razza canina molossoide da montagna di origine portoghese
Fila brazileiro è una razza canina di origine brasiliana (mastino brasiliano).
Perro da canapo majorero o Dogo Canario: cane di tipo molossoide proveniente dalla Spagna.
Perro da presa Mallorquin cane mastino di Maiorca o Perro de Presa Mallorquin anche chiamato Ca de Bou (cane da toro). Razza spagnola originaria dell’isola di Maiorca. Ha sangue del mastiff inglese e del bulldog.
Pit bull; L’American Pit Bull Terrier deriva da un incrocio di due razze inglesi l’English white terrier e l’Old Bulldog alla fine del XIX secolo.
Pit bull mastiff o Bandog non è una razza canina, ma un incrocio effettuato negli Stati Uniti per produrre un cane da guardia mezzosangue.
Pit bull terrier: originaria della Gran Bretagna
Rafeiro do Alentejo: anche detto mastin do Alentejo. Una razza di cane del Portogallo che deve il nome alla regione Alentejo, nella quale è stato allevato.
-Rottweiler: razza di cane molossoide selezionata nella cittadina tedesca di Rottweil sul fiume Neckar nel corso del XIX secolo. Il cane era utilizzato per la custodia delle carni dei macellai e per il traino di piccoli carri di trasporto merci.
Tosa inu: cane di origine giapponese, allevato nelle provincia di Tosa in Giappone.