Home Cani Razze di cani Bracco d’ariege

Bracco d’ariege

CARATTERE

Il Bracco d’Ariège ha un carattere vispo, allegro ed è molto intelligente. Si contraddistingue per la su fedeltà all’essere umano È un cane adatto a tutti i tipi di caccia, è resistente, docile e facile da addestrare.

CARATTERISTICHE

Tipo d’impiego: cane da ferma– Taglia: medio-grande – Vita Media: 12-14 anni – Altezza: Maschio 60-67 cm Femmina 56-65 cm – Peso: Maschio 25-30 kg Femmina 25-30 kg.

ASPETTO GENERALE

Presente una costruzione leggera e al contempo potente. E’ un cane di media taglia, classificato come tipo Braccoide. È molto elegante, proporzionato nel suo insieme con una muscolatura asciutta, ma dura e compatta. 

TESTA E COLLO

La testa è lunga e incorpora un cranio lievemente bombato. Lo stop risulta poco pronunciato. Le narici sono grandi e aperte di colore rosa con il tartufo rossastro o marrone. Gli occhi ovali risultano vispi con un colore ambra scuro o marrone. Le orecchie risultano sottili e lunghe, inserite basse o sulla linea degli occhi. Il collo non è particolarmente lungo e presenta una leggera giogaia.

TRONCO E CODA

Il corpo possiede una linea dritta e proporzionata. Il dorso è lungo e muscoloso con rene un po’ convesso. La groppa risulta obliqua mentre il torace lo troviamo fino al livello del gomito con costole arrotondate. La coda è massiccia alla radice ma man mano che scende alla punta si assottiglia.

ARTI

Gli arti anteriori perpendicolari con un ottima ossatura, hanno spalla robusta con braccio potente ed aderente al corpo. Gli arti posteriori, invece, hanno la muscolatura nella coscia che è discesa e la gamba è forte con garretto ben angolato. i piedi sono ben curvati di forma quasi rotonda con unghia forti.

PELO

Il pelo deve essere corto con zone più lisce, ma sottile sulla testa e sulle orecchie.

MANTELLO

Il mantello non può avere tutti i colori disponibili, anzi deve essere rigorosamente a base fulva, secondo tonalità che vanno dall’arancio pallido al marrone, con macchie bianche picchiettate di marrone.

CENNI STORICI

Questa razza discende dall’incroci tra il vecchi Bracco Francese e il Bracco Meridionale nel corso del XIX secolo. Il Bracco d’Ariège  ha rischiato di estinguersi, ma fortunatamente dal 1990 sono nati gruppi di allevatori che ne salvaguardano la sopravvivenza. Nei secoli passati, questa razza era molto più pesante e robusta dell’attuale. Questi cani sono raffigurati in moltissime opere famose del secolo diciottesimo e diciannovesimo. La sua utilità negli anni non è cambiata, è sempre stato un cane per la caccia, la cerca e la ferma.

STILE DI VITA

Il suo stile di vita è molto libero e ciò gli  permette di adeguarsi a qualsiasi condizione climatica. Grazie alla sua resistenza fisica si può adattare al terreno o luoghi selvatici, proprio per la caccia alla selvaggina. Il suo olfatto è talvolta sorprendente.

PATOLOGIE

Non è affetto da patologie gravi o incurabili, anzi la cosa principale e che viene tenuto in buona salute e vada sempre vaccinato per tenerlo sotto controllo.

PADRONE IDEALE

Essendo un cane molto tranquillo e docile, obbedisce facilmente. E’ molto fedele al su padrone, si sente in simbiosi con lui, in particolare durante la battuta di caccia. Non è un cane prettamente da casa, ma deve stare all’aria aperta poichè è abituato a cacciare tra i boschi. Grazie anche al suo carattere obbediente gli consente di seguire sempre le istruzioni del suo padrone, ed è considerato uno dei cane da caccia più abili. Sarebbe perfetto il padrone che vive isolato in montagna.