Home Cani Razze di cani Grand griffon vendeen: razza, caratteristiche, carattere e salute

Grand griffon vendeen: razza, caratteristiche, carattere e salute

DESCRIZIONE

Il Grand Griffon Vendéen è di origini francesi, un vero è proprio esemplare elegante e molto signorile con un pelo adatto alla sua statura media. E’ un cane da caccia, in passato anche per i lupi, con il tempo è diventato anche un cane da compagnia, ma la sua indole da caccia prevale anche grazie all’olfatto fine che si ritrova. Ad oggi le sue prede sono i cinghiali, cervi e caprioli, riesce a scovarli in qualsiasi terreno, anche quelli più tortuosi. Spesso viene usato anche come cane da esposizione, ed è definita una razza rara, in quanto alla fine della seconda guerra mondiale stava rischiando l’estinzione e oggi sono rimasti in giro pochi esemplari. I cacciatori lo usano per la caccia in muta o al tiro. Riesce a stare anche in famiglia con i bambini e giocarci. E’ diffidente con gli estranei e questo lo rende anche un cane da guardia per gli eventuali intrusi. Il padrone deve essere un compagno sempre presente e dargli le giuste attenzioni.

CARATTERISTICHE

  • Tipo d’impiego:Cane da segugio nella caccia a tiro
  • Taglia:Grande
  • Vita Media:10 anni
  • Altezza maschio:62-68 cm
  • Altezza femmina:60-65 cm
  • Peso maschio:32-37 Kg
  • Peso femmina:32-35 Kg
  • Riconoscimento:ENCI

CARATTERE E STILE DI VITA

Questo esemplare di cane è di carattere forte, intelligente, attivo, molto energico e dinamico. Molto apprezzato dai cacciatori per il suo olfatto, ma proprio per questo suo aspetto, deve essere tenuto in uno spazio recintato perché potrebbe scappare per trovare la sua preda. Anche se è molto forte di carattere, se addestrato bene sa essere docile con il padrone. Può essere anche un cane da compagnia, ma senza dimenticare che è un cane da muta. Le attività che si concedono devono essere all’aria aperta, negli spazi verdi e non al chiuso e spazi stretti. Resiste alle temperature climatiche che cambiano durante l’anno, infatti può vivere fuori in giardino, ma nei periodi di caldo è meglio evitare attività al sole. Convivere con i suoi simili, può essere fattibile, ma deve essere fatta da cucciolo per imparare a socializzare. L’istinto molto marcato per la caccia, non gli consente di vivere con i felini o animali domestici piccoli, perché possono diventare prede. Avendo bisogno di spazio aperto per stare bene, non è adatto per vivere in città o in appartamento, occorre farlo stare in campagna oppure in qualsiasi casa con giardino. Spesso tende ad essere aggressivo e diffidente con gli estranei, questo lo rende anche un buon cane da guardia.

PREZZO

Il costo di questo esemplare poco diffuso, non è eccessivo può oscillare dai 600 agli 800 euro circa. Per il prezzo da spendere mensilmente per le vari cure di alimentazione, toelettatura e parte medica, ci vogliono in media 50 euro.

ASPETTO GENERALE

Il Grand Griffon Vendéen è un cane dal pelo arruffato che gli dona alla grande data la sua taglia media, infatti gli da anche un tocco di eleganza. E’ di ottima struttura ossea, molto proporzionato nelle forme senza risultare grosso. Con un’andatura raffinata, distinta, tipica francese, ma allo stesso modo è molto sciolta ed elastica.

Grand griffon vendeen adulto
Grand griffon vendeen adulto

TESTA E COLLO

La testa proporzionata al corpo include un cranio lievemente bombato con stop poco evidente. Il tartufo è solido con narici piccole e di colore nero o marrone per i mantelli arancio-bianco. Gli occhi sono grandi e di forma rotonda ricoperti dal pelo delle sopracciglia molto folte, ma non copre mai la vista, sono di colore scuro. Le orecchie hanno attaccatura ad altezza degli occhi, sottili di misura media e ricoperte di pelo lungo. Il collo è corto ma con la giusta solidità per l’attaccatura alle spalle, con la presenza di giogaia.

TRONCO E CODA

Il tronco è diritto con un dorso compatto e solido. Il rene è con muscoli saldi e torace non troppo grande. Ha le costole leggermente arrotondate. La coda ha una base doppia e una punta sottile, con attaccatura alta, viene portata a sciabola e mai a falce.

ARTI

Gli arti anteriori sono lievemente portati più avanti rispetto al tronco, con spalla lunga e gomiti attaccati al corpo. Gli avambracci hanno delle ossa molto solide. Gli arti posteriori hanno l’anca molto marcata, con coscia massiccia e lunga. Il garretto è ampio e disceso. I piedi poco rigidi hanno dita ricurve molto chiuse con unghia compatte e cuscinetti duri.

PELO E MANTELLO

Il pelo è della giusta lunghezza per il suo corpo piccolo, è molto spettinato dato i suoi piccoli riccioli che lo rendono cespuglioso. Presenta anche un sottopelo molto duro. Per il colore del manto sono consessi una miriade di colori, come: il fulvo, il color pelo di lepre, il color pelo di tasso, il color pelo di cinghiale e il bianco-arancione. Può essere anche tricolore con macchie bianche. Si possono accettare anche i mantelli di colore nero con pezzature bianche, il nero focato e  il nero macchiato con il color sabbia.

PADRONE IDEALE

Il padrone ideale per questa razza deve essere molto presente, e non aggressivo nell’educarlo, ma trovare la giusta intesa e placare il suo temperamento molto deciso, quindi dare gli ordini in modo deciso e fermo ma con un pizzico di dolcezza per non essere violento. Date queste premesse la persona che lo accudisce deve fargli fare attività fisica, in quanto è un gran golosone, quindi uno sportivo come proprietario è perfetto. Può essere inserito all’interno di una famiglia con bambini piccoli, ma si consiglia di prendere un cane cucciolo e non adulto per farlo essere un cane da compagnia. Non può essere adottato da anziani o sedentari in quanto potrebbe avere problemi di salute, se mangia e non sfrutta a pieno le sue energie. Per questa razza, oltre al padrone sportivo, un proprietario esemplare è sicuramente un cacciatore, che lo apprezza per il suo olfatto eccellente. Avendo un carattere leggermente difficile da gestire, se i padrone che lo acquistano sono novizi, occorre rivolgersi a qualche esperto. Di taglia media, può andare con i padroni, ma non ovunque, poiché è difficile trasportarlo con facilità. La solitudine riesce a reggerla, se ha avuto modo di soddisfare i suoi bisogni, prima che i padroni sono andati via, ed è consigliabile lasciare qualche gioco per farlo distrarre e non portarlo ad essere distruttivo se resta troppe ore solo e senza un intrattenimento.

ALIMENTAZIONE

E’ un cane di taglia media ma molto ghiottone e non si tira indietro a nessun spuntino, questo lo porta ad ingrassare con molta facilità. Per tenerlo in forma e non farlo essere in sovrappeso, deve fare attività fisica e seguire una giusta alimentazione sana, oppure una dieta scritta da un veterinario. Si raccomando di farlo mangiare carne, grassi, cereali, riso e verdure. Le razioni di cibo che gli vengono date devono essere regolate ed è consigliabile dargli una sola razione al giorno, preferibilmente di sera.

TOELETTATURA

Essendo un cane dal mantello riccio, questo tendo a provocare dei nodi, e si attorciglia con facilità. Quindi deve essere curato con attenzione e va pettinato con frequenza. Se invece avete dei cani per l’esposizione si consiglia di affidarsi ad un professionista per fargli fare una toelettatura per la gara. La caduta del pelo non è eccessiva. 

PATOLOGIE

Questa razza non risulta predisposta a patologie particolari anzi non vi è alcuna patologia nota, ma come qualsiasi altro cane deve essere tenuto sotto regolare controllo veterinario e correttamente vaccinato.

CENNI STORICI

Non si sa tantissimo sulle origini del Grand Griffon Vendéen, ma i suoi antenati sono razze sia a pelo liscio che a pelo ruvido. Gli incroci fatti per arrivare a questo standard ne sono tanti tra cui possiamo trovare l’unione dei Cani Bianchi del re nella varietà a pelo duro, i Bracchi Italiani e i Cani Fulvi di Bretagna. Ma possiamo citare anche qualche altro incrocio: Cani Grigi di Saint-Louis e i Grifoni di Bresse. E’ probabile che sono nati prima delle guerre, infatti durante la seconda guerra mondiale si stavano perdendo le loro tracce, ma fu recuperata in tempo. Deriva dalla Francia e prende il nome dal suo Paese d’origine, la Vandea, un dipartimento francese della regione dei Paesi della Loira. E’ un cane principalmente da muta, che ormai sono rare, e questo lo rende ancora oggi un cane poco comune e non sviluppato abbastanza in varie zone per essere preso in considerazione. Riconosciuto ufficialmente dalla FCI.

Grand griffon vendeen adulto
Grand griffon vendeen adulto

NOMI

Il Grand griffon vendeen dal pelo riccio di colore bianco e qualche macchia marrone chiaro è un esemplare da caccia francese. Per trovargli un nome potete spaziare tra le lettere dell’alfabeto, proprio come abbiamo fatto noi, e trovare la leggere giusta per dare il nome al vostro amico a quattrozampe. Qui potete trovare la lista per il nome al vostro cane.

  • Femmina: Tabata e Tiara
  • Maschio: Trevarius e Tricky