Home Cani Salute dei Cani Alabama Rot nel cane: cause, sintomi, prevenzione e terapia

Alabama Rot nel cane: cause, sintomi, prevenzione e terapia

Alabama Rot nel cane, una malattia che può essere fatale per lui. Vediamo, insieme, di che cosa si tratta, come fare prevenzione e qual è la cura indicata.

Alabama Rot nel cane
(Foto Unsplash)

Fido può attraversare dei momenti bui nel corso della sua esistenza, essere soggetto a malattie per cui la presenza del suo padrone è fondamentale, per sentirsi più forte e combattere il suo male. Esiste una patologia di cui si parla ancora poco ma che è necessario conoscere. Parliamo di Alabama Rot nel cane e di come affrontarla nel modo giusto.

Alabama Rot nel cane: cause e sintomi

Nel nostro Paese se ne parla poco ma in altri sta colpendo moltissimi cani. Si tratta di una patologia grave che è bene conoscere nel suo sviluppo, perché è mortale per fido. Approfondiamo qui di seguito.

La malattia in fido
(Foto Pexels)

La prudenza e le attenzioni che si donano al proprio amico a quattro zampe non sono mai troppe. Un peloso domestico ha sempre bisogno di cure continue e controlli periodici.

Fido, durante la sua vita con noi, non è immune alla sofferenza e, purtroppo, ha la probabilità di dover affrontare malattie più o meno gravi, con tutte le difficoltà che ne conseguono.

Con il sostegno e l’amore del suo caro padrone, però, anche la realtà più drammatica viene combattuta in maniera diversa.

É proprio il proprietario di bau ad avere la possibilità di affrontare meglio qualunque problema, informandosi sulle sue condizioni di salute e rivolgendosi agli esperti di questi animali.

Tra i vari mali che possono interessare bau, è stata individuata negli anni ’80 ad Alabama, negli Stati Uniti, una patologia definita Vasculopatia glomerulare cutanea e renale (CRGV) e che, ormai, dal 2012 ha colpito 112 cani.

Simile alla meningite negli esseri umani, le cause scatenanti di questa grave malattia non sono del tutto note ma si crede possa essere responsabile il batterio Escherichia coli e che tende a diffondersi nelle zone boschive, nei mesi tra novembre e giugno.

I sintomi a cui fare attenzione

Anche se in Italia non si sono ancora registrati dei casi di contagio (diretto o tramite vettore), è importante elencare i sintomi che si presentano con l’Alabama Rot nel cane.

I sintomi tipici di questa patologia sono i seguenti:

  • Vomito;
  • Gonfiore;
  • Macchie rosse;
  • Sete eccessiva;
  • Lesioni cutanee su varie parti del corpo (bocca, lingua, zampe);
  • Ulcere;
  • Insufficienza renale nel cane;
  • Morte, in seguito alle gravi condizioni.

Potrebbe interessarti anche: Epatite nel cane: cause, sintomi, cura, prevenzione della malattia

Fido e la malattia: prevenzione e terapia

Trattandosi di una patologia complessa e su cui si conosce ancora poco, l’Alabama Rot nel cane presente una difficile prevenzione, così come la terapia prevista per aiutare fido. Continuiamo a leggere più avanti.

La cura per il cane
(Foto Pixabay)

Come abbiamo accennato sopra, l’Alabama Rot non è ancora stata studiata a fondo. Questa pericolosissima malattia, però, può colpire l’animale in qualsiasi momento, per cui vediamo come si può agire in suo aiuto.

Sappiamo che i suoi sintomi sono potenti e fulminanti nel cane, infatti l’insufficienza renale acuta, che coinvolge i reni, può provocarne in modo immediato la morte.

Alabama Rot nel cane: pulizia e attenzione

Poiché si pensa che la patologia si diffonda soprattutto nei terreni fangosi, il consiglio più importante, per fare prevenzione, è lavare bene il proprio fido ad ogni rientro dalle sue passeggiate, in particolare se è stato in queste zone naturali.

Bisogna dire che, nei casi riportati, si sono notate delle razze canine più colpite, parliamo di Cocker Spaniel e i Levrieri.

Qualora dovessero manifestarsi sintomi tra quelli elencati e problemi seri nell’animale, occorre intervenire con tempestività e recarsi subito dal veterinario di fiducia, perché si tratterà di salvargli la vita, e il tempo deve essere a nostro favore.

Sarà il medico esperto a suggerire la terapia più adatta al cane soggetto, in base ai sintomi e alla sua condizione. Ogni azione in suo favore lo aiuterà a sopravvivere e ad evitare la morte sicura.