Home Cani Salute dei Cani Labirintite nel cane: cause, sintomi e come trattare questa patologia

Labirintite nel cane: cause, sintomi e come trattare questa patologia

Vedere barcollare Fido ci manda in ansia. Potrebbe trattarsi di labirintite nel cane: scopriamo cos’è questa patologia e come trattarla.

labirintite nel cane
(Foto Unsplash)

Le abilità del nostro amico a quattro zampe sono indescrivibili. Che sia timido o iperattivo non manca nel dimostrarci quanto ami correre libero in giardino o nel parco.

A volte stargli dietro risulta difficile. Ma è bello vederlo libero e spensierato nello sprigionare tutta la sua energia, e questo rende felici non solo lui ma anche noi.

Purtroppo però la sua irrefrenabile voglia di correre e giocare può essere ostacolata dall’insorgere di alcune patologie, che lo rendono strano e sofferente. Sarà forse capitato a tutti di vederlo barcollare impossibilitato nel fare anche i più semplici movimenti.

La sua perdita di equilibrio deve preoccuparci perché Fido potrebbe soffrire di labirintite, una patologia da non sottovalutare. Scopriamo in cosa consiste la labirintite nel cane, le sue cause, i sintomi e come deve essere trattata per aiutare il nostro cane.

Labirintite nel cane: cos’è e quali sono le cause

Quando il cane viene colpito da labirintite, confusione e vertigini sono i primi sintomi che si manifestano.

cos'è la labirintite nel cane e cause
(Foto Unsplash)

La labirintite è una infiammazione che colpisce il labirinto, e cioè la struttura interna dell’orecchio, sede:

  • dell’apparato vestibolare, che assicura l’equilibrio;
  • della coclea, che permette la percezione dei suoni.

Quando il labirinto si infiamma ecco che riscontriamo la labirintite, patologia che:

  • influenza negativamente l’udito;
  • provoca la perdita di equilibrio, accompagnata da vertigini.

Purtroppo indagare le cause della labirintite può risultare  complicato, in quanto sono molteplici e spesso sono legate ad altre numerose malattie, come quelle che colpiscono l’orecchio interno, o il fegato, ma anche stress e traumi.

Andiamo ad analizzare le cause più frequenti di labirintite nel cane:

  • infiammazione virale: può essere provocata ad esempio dal virus influenzale o da quello della parotite, virus che potrebbero svilupparsi raggiungendo l’orecchio;
  • infiammazione batterica: batteri come stafilococchi o streptococchi che proliferano all’interno dell’orecchio, fattori sono esposizione eccessiva all’acqua o a polveri, cerume.
  • traumi: cadute che provocano lesioni o fratture alla parte di osso dov’è contenuto il labirinto, che sono la causa della sua stessa infiammazione. E’ stato dimostrato che queste lesioni al labirinto possono esser provocate anche da un violento colpo di tosse o da uno sforzo eccessivo.

Altre possono essere le cause di labirintite nel cane come: introduzione dell’orecchio di corpi estranei, stress intenso, reazione allergica, esposizione a prodotti tossici, problemi al fegato, denutrizione e indigestione. Ma anche diabete, ictus, meningite ed addirittura tumori.

Come abbiamo visto le cause dell’insorgere di questa patologie sono tante e tutte diverse tra loro, è bene dunque che sia il veterinario a stabilirne la causa, per poter curare in maniera precisa la labirintite, e condurre il nostro cane ad una completa guarigione.

Sintomi di questa patologia e rischi per Fido

La labirintite generalmente esordisce con violenti ed acuti sintomi. Disturbi dell’equilibrio e vertigini sono i primi evidenti segnali che riscontriamo nel cane.

cane sta male sintomi
(Foto Pixabay)

Quando il cane è colpito da labirintite tutto il suo sistema vestibolare non funziona correttamente, i sintomi possono essere continui o manifestarsi per un brusco movimento della testa o un repentino cambio di posizione.

I principali sintomi che possiamo riscontrare in Fido sono:

  • difficoltà a camminare e a stare in piedi con continue perdite di equilibrio e vertigini;
  • il suo tono muscolare comincerà a calare;
  • tenderà a stare sempre con la testa china, per via della forte pressione e del fastidioso ronzio che sentirà nelle orecchie;
  • esordiranno inappetenza, con nausea e vomito, che lo renderanno disidratato;
  • stordimento ed ansia;
  • pallore e febbre.

Ma purtroppo altri sono i sintomi che evidenziano la gravità della situazione: movimenti anomali degli occhi e cali dell’udito, che possono essere transitori ma addirittura permanenti.

E’ bene dunque, agire immediatamente anche alla sola comparsa nel nostro cane di uno di questi sintomi, per evitare che la labirintite si trasformi in un problema ben più grave e difficile da curare.

Potrebbe interessarti anche: Perché il cane cade all’improvviso? I motivi possono essere tanti

Cosa fare e come trattare la labirintite

Notare nel cane i sintomi appena elencati non è difficile, e la prima cosa da fare è portarlo immediatamente dal veterinario.

come trattare la labirintite nel cane
(Foto Unsplash)

Un’attenta visita clinica è indispensabile per decifrare la causa scatenante della labirintite. Solo il veterinario attraverso esami del sangue, risonanze e radiografie riuscirà ad individuarla.

Potrebbe interessarti anche: Segnali di ictus nel cane: come capire se Fido ne ha avuto uno

Se trattasi di una lesione (e quindi individuare dove è localizzata) o se invece ha origine batterica. Solo così sarà in grado di stabilire la giusta terapia da somministrare al nostro cane.

Generalmente la labirintite è un disturbo lieve che può essere, appunto, risolto con farmaci adatti, ad esempio con antibiotici se di origine batterica. Il veterinario riuscirà a stabilizzare Fido, evitando che questa patologia peggiori provocando ulteriori e ben più gravi conseguenze.

Sicuramente somministrerà al nostro cane anche dei sedativi per combattere il suo stato di agitazione, ed anche farmaci per frenare il senso di vomito e flebo per idratarlo.

Per la perfetta e rapida guarigione del nostro amico a quattro zampe anche noi abbiamo dei compiti importanti:

  • non dobbiamo stressarlo ed affaticarlo;
  • dobbiamo garantirgli una maggiore pulizia e più sicurezza, tenendolo lontano da farmaci o da sostanze nocive;
  • dobbiamo prestare particolare attenzione anche alla sua dieta, sana ed equilibrata, sempre.

Rossana Buccella