Home Cani Salute dei Cani Prurito nel cane: un sintomo da non sottovalutare

Prurito nel cane: un sintomo da non sottovalutare

Spesso si è portati a pensare che sia del tutto normale vedere il proprio cane grattarsi la cute, ma se avviene di frequente non bisogna mai sottovalutare questo comportamento, perché rappresenta la manifestazione di un disagio che il nostro amico a 4 zampe non riesce ad esprimere. Il prurito non deve essere considerato normale, soprattutto se frequente, ma piuttosto il sintomo chiaro ed evidente di una problematica più complessa.

cane labrador si gratta
(Foto Adobe Stock)

Anzi, a lungo andare le frequenti grattatine del cane possono peggiorare la situazione portando ad irritazioni, arrossamenti ed infiammazioni della cute. È dunque importante prestare attenzione ai segnali che ci lancia il nostro amico a 4 zampe ed interpretarli nel modo corretto, perché solo in questo modo possiamo aiutarlo in modo concreto.

Prurito nel cane: le cause più frequenti

Il prurito è quasi sempre associato ad una dermatite, ossia ad un’infiammazione della cute che si può presentare arrossata, secca e squamosa. Se il nostro amico a 4 zampe si gratta di frequente, è molto probabile che all’origine vi sia una spiccata sensibilità ad un allergene presente nell’ambiente o nel cibo che mangia. In sostanza dunque per quanto riguarda i sintomi della dermatite cane ed uomo non sono poi così diversi: la causa va sempre rintracciata in un’allergia o in un’intolleranza.

Intolleranza ambientale

La causa più frequente di dermatite nel cane è l’intolleranza ambientale, il che significa che a scatenare questa reazione allergica possono essere i pollini, l’erba, gli acari della polvere o ancora le pulci.

Intolleranza alimentare

In alcuni casi invece gli allergeni che scatenano la reazione del nostro amico a 4 zampe si trovano nel cibo e tra i più comuni troviamo la carne di manzo, i latticini ed il pollo.

Prurito e dermatite nel cane: rimedi e cure efficaci

Fortunatamente, la dermatite ed il conseguente prurito nel cane si possono risolvere ma bisogna agire su due fronti: da un lato la somministrazione di medicinali specifici e dall’altro la scelta di alimenti adatti a questo tipo di problematica. È bene soffermarsi su quest’ultimo punto, perché al di là delle cure prescritte dal pediatra la dieta è fondamentale per curare e prevenire la ricomparsa di questi disturbi. Vale la pena dunque capire cosa si può dare da mangiare al proprio amico a 4 zampe per evitare che continui a soffrire.

Hill’s Derm Complete: l’unico cibo per cani testato clinicamente per combattere le allergie

Hill’s Derm Complete è l’unica soluzione nutrizionale approvata e testata clinicamente per risolvere il problema delle allergie e delle intolleranze nel cane, indipendentemente dal fatto che queste abbiano origine da fattori ambientali o alimentari. Non a caso è consigliato dagli stessi veterinari e la sua efficacia dipende dalla composizione, specificatamente pensata per alleviare e ridurre i sintomi tipici della dermatite come prurito, fastidio, infiammazioni della cute.

La speciale formula Histaguard Complex di Hill’s Derm Complete, ricco di bioattivi e fitonutrienti, permette di controllare la risposta immunitaria del cane nei confronti degli allergeni ambientali. Inoltre, questo alimento contiene proteine novelle ed è stato scientificamente provato che queste aiutano ad alleviare i segni clinici del disturbo, mentre gli altri nutrienti rafforzano la barriera cutanea prevenendo la ricomparsa dei sintomi.