Home Cronaca Cucciolo salvato da operai: era stato lanciato col fratellino morto in dei...

Cucciolo salvato da operai: era stato lanciato col fratellino morto in dei sacchetti

CONDIVIDI
cucciolo salvato
Il cucciolo salvato da alcuni operai al lavoro in provincia di Milano

Cucciolo salvato nel comune di Settimo Milanese: con tutta probabilità è stato lanciato da un’auto in corsa.

Un cucciolo salvato in provincia di Milano. È quanto accaduto a Settimo Milanese, un comune situato nei pressi del capoluogo lombardo. Qui alcuni operai che si trovavano al lavoro per ripulire l’area verde situata sul territorio comunale si sono improvvisamente imbattuti in due sacchi neri di quelli utilizzati per gettare la spazzatura. Il loro contenuto era apparso subito sospetto agli uomini. Ed infatti al loro interno si trovavano due cuccioli, che con tutta probabilità erano stati gettati lì da un’auto transitata di corsa dalla vicina Tangenziale Ovest di Milano. Purtroppo però uno dei due è stato ritrovato già morto. Il piccolino ha perso la vita in maniera orribile, triturato da un trattore che gli era passato sopra. La vicenda risale allo scorso mese di marzo, e per la precisione al 28. Soltanto ora però l’Enpa di stanza a Monza ha diffuso pubblicamente la vicenda. Purtroppo erano stati gli stessi lavoratori ad uccidere in maniera inconsapevole uno dei due cagnolini.

Cucciolo salvato, uno degli operai ha scelto di adottarlo

Alla vista del sangue, si sono subito fermati ma per il cucciolino era già tardi. L’altro sacco con dentro il secondo cucciolo salvato è stato individuato a breve distanza. In questo caso l’animaletto era stato trovato illeso. Il cagnolino, un meticcio dal pelo nero e bianco, è stato chiamato Acqua ed uno degli operai ha deciso di adottarlo e di ospitarlo in casa sua, dopo che l’Ente Nazionale Protezione Animali di Monza se ne era preso cura per qualche giorno. Il movimento animalista ha parlato di quanto accaduto dicendo che “ancora una volta possiamo constatare a quale livello di meschinità può spingersi la vigliaccheria di certi uomini”. Purtroppo gli episodi di abbandono di animali, e di cuccioli di poche settimane nella fattispecie, sembrano all’ordine del giorno. Gli episodi in tal senso si verificano con una frequenza che ha dello spaventoso. Perché tutto questo lascia trasparire grossa insensibilità oltre che crudeltà.

A.P.