Home Cronaca Seminava polpette con chiodi nei parchi di Roma: arrestato killer dei cani

Seminava polpette con chiodi nei parchi di Roma: arrestato killer dei cani

CONDIVIDI

cane malato 3

Da diversi mesi, nei parchi della Capitale,, da Villa Pamphili a Villa Ada, passando per Villa Borghese, regnava il terrore per i proprietari dei cani a causa dei numerosi 4zampe rimasti vittime di un killer seriale che seminava polpette, crocchette o wurstel con chiodi e puntine.

Alimenti letali per i cuccioloni di casa. Il killer aveva inoltre adottato una strategia ben precisa per potere colpire i cani all’insaputa dei proprietari, eludendo la loro vigilanza, piazzando i bocconcini nell’erba alta o in aree dove si recano soprattutto i 4zampe.

Nel mese di maggio era scattata l’allarme nella città eterna, tanto che Marcovalerio Cervellini, il responsabile relazioni esterne della Polizia Postale, aveva lanciato un appello ai proprietari dei cani invitandoli a fare attenzioni ai loro 4zampe nei parchi, in quanto nell’arco di una settimana erano deceduti circa 5 cani. Tra le precauzioni suggeriti era consigliato ai proprietari di portare il cane a spasso con la museruola per evitare che mangiasse cose in giro e di uscire con un flacone di acqua ossigenata e un cucchiaino di plastica per poter far vomitare l’animale.

Dopo un’accurata indagine condotta a Roma, nell’arco degli ultimi mesi, con tanto di video camere di sorveglianza apposte nei luoghi strategici, le forze dell’ordine sono riuscite ad individuare il responsabile di questi atti crudeli, grazie a due filmati che lo hanno inchiodato. Si tratta di un uomo romano di 53 anni e durante una perquisizione nella sua abitazione gli agenti hanno trovato scatolette e cibo per cani, nonostante non avesse animali domestici.

Per lui sono scattate immediatamente le manette e il killer incensurato è stato portato al carcere romano di Regina Coeli e dovrà rispondere di diversi reati che vanno dall’uccisione di animale al maltrattamento per cui rischia solo fino a 6 mesi di reclusione e una multa amministrativa che spazia dai 2800 ai 15000 euro.

Secondo i dati ufficiali, dal 2012 ad oggi, oltre 300 cani sono deceduti mentre più di 900 sono rimasti feriti dopo aver ingerito le polpette nei parchi della capitale.