Home Cani Il cane capisce la nostra lingua: cosa è importante sapere

Il cane capisce la nostra lingua: cosa è importante sapere

Il cane capisce la nostra lingua e sembra che riesca a intendere alcune parole quando ci rivolgiamo a lui. Una notizia che ci rende ancora più felici. Vediamo di scoprire come fa fido a capire il nostro linguaggio e qual è il suo limite.

Il cane capisce la nostra lingua
(Foto Pixabay)

Il dolce amico a quattro zampe è considerato uno degli animali più intelligenti al mondo. Fido non è solo il compagno domestico leale e affettuoso ma è dotato anche di grandi capacità mentali. Se possedete un cane, avrete notato tante volte che durante una conversazione o mentre gli si parla, lui reagisce nella giusta maniera a determinate parole e frasi, vale lo stesso per i comandi. Il peloso sembra comprendere bene ciò che viene espresso tramite il parlato. Oggi, vediamo insieme perché il cane capisce la nostra lingua e quali sono le espressioni che più ricorda.

Fido capisce la nostra lingua: la sua incredibile capacità

Il cane è un animale estremamente intelligente e attento. Non solo è dotato di grande empatia nei nostri confronti, fido può capire cosa diciamo quando parliamo e può farlo anche se non ci rivolgiamo direttamente a lui. Scopriamo di più nell’articolo.

Cane capisce la lingua
(Foto Pixabay)

Quanto è bello che il nostro amico peloso riesca ad esprimersi con noi in vari modi e in diverse situazioni. Il cane ci piace tanto perché ha il dono dell’empatia, riesce a sentire la nostra condizione emotiva e dona tutto il suo affetto quando ne sentiamo più bisogno. Sempre più studi e ricerche su questo splendido animale hanno dimostrato che egli è capace di capire diversi suoni e parole del nostro linguaggio umano, mote più di quante ne immaginiamo. É vero che la creatura non potrà mai rispondere alle parole, ma quando ascolta qualcosa sembra avere nel suo tenero sguardo ogni risposta.

Oltre a imparare e capire perfettamente i comandi classici del suo padrone, come: “a cuccia”, “vieni”, “seduto” e “zampa”, fido capisce quando lo chiamiamo per nome, intuisce quindi che si tratta di lui e che ne possiede uno. Non sono poche le parole che il peloso riesce ad elaborare una volta ascoltate: l’animale raccoglie elementi sulla parola o la frase che sta ascoltando e, attraverso un meccanismo mentale di cui vedremo più avanti, arriva a comprenderne il senso.

Si è scoperto che il cane può capire moltissime parole comuni nella comunicazione con lui, parliamo della comprensione di 160 parole. Parlare con il cane ci permette di sperimentare e scoprire cosa gli resta impresso. Per fido è più facile comprendere parole che vengono associate ad oggetti che usa nella vita quotidiana, come “cuccia”, “pallina” e “osso, così come può capire subito parole con consonanti forti, come “c”, “t”, “r”, “p”. Il peloso è più in difficoltà con parole che esprimono concetti come, ad esempio, “amore” e “lealtà”, che non possono essere associate a qualcosa di concreto ai suoi occhi.

Potrebbe interessarti anche: Vocine e nomignoli per parlare con il cane: perché lo facciamo?

Il peloso comprende le parole: come può farlo?

Studi recenti affermano che il cane può analizzare il linguaggio umano, in quanto è dotato di un meccanismo mentale simile al nostro. Vediamo di saperne di più su questa sua sorprendente capacità!

Il cane comprende la lingua
(Foto Pexels)

Ogni padrone di un cagnolino si è sempre chiesto come lui faccia a capire e a rispondere bene alle nostre parole, qualunque sia il comando che gli rivolgiamo. Ebbene, numerosi studi fatti sul nostro amato animale continuano a dimostrare il potere del suo intelletto. In effetti, il cane capisce la nostra lingua e riesce ad ascoltare numerose espressioni. Questo è possibile in lui perché utilizza i due emisferi nel suo cervello, esattamente come noi umani. Leggiamo di più.

Il cane usa la l’emisfero sinistro per capire le parole che sta ascoltando, mentre l’emisfero destro l’utilizza per interpretare l’intonazione di quelle parole, e questa è una novità molto importante. Unite, poi, le informazione arrivate a lui, il peloso riesce a capire cosa gli sta comunicando l’umano con cui interagisce, con la capacità di associargli l’intenzione elaborata. L’educazione buona e corretta del cane può aiutare ancora di più a farci comprendere da lui: insegnargli un determinato ‘segnale’ da associare ad una precisa azione, può fargli intuire diverse richieste e desideri da parte nostra.

É stato rivelato, inoltre, che il cane riesce a comprendere meglio le parole quando sono espresse in maniera singola e precisa, invece che combinate tra loro o inserite in frasi troppo lunghe. In questo modo, è più semplice anche per noi padroni comunicare e insegnare comandi a fido, utilizzando parole brevi e chiare al suo orecchio, come il classico comando “fermo”. Per il peloso è importante ricevere parole facili da distinguere e che vengano, possibilmente, associate a oggetti che può conoscere. Il linguaggio del corpo del cane, poi, aiuta ancora di più nella sua risposta e nel dialogo tra entrambi.

Ilaria G