Non c’è tempo da perdere: ecco come richiedere il bonus animali domestici 2023

Foto dell'autore

By Ilaria Grimaldi

Curiosita

Non c’è tempo da perdere! É il momento di fare richiesta per il bonus animali domestici 2023. Vediamo, insieme, la guida pratica per muoversi in modo giusto.

Non puoi perdere tempo
Animali domestici (Canva – amoreaquattrozampe.it)

Nelle famiglie italiane entrano sempre più a far parte gli amici pelosi, cani o gatti che siano. Membri della famiglia a tutti gli effetti, questi pelosi sono molto amati dalle persone di ogni età e non si può fare a meno della loro compagnia. Se desideri avere anche tu un pet tutto per te, devi sapere che puoi fare richiesta per il bonus animali domestici 2023. Ma affrettati, non c’è tempo da perdere.

Non c’è tempo da perdere: bonus animali domestici 2023

Sono davvero tante le famiglie in cui è presente almeno un amico a quattro zampe di cui prendersi cura e al quale donare amore. Per questo, ogni padrone potrebbe essere interessato al bonus animali domestici 2023. Ecco come mandare la tua domanda, seguendo questa guida pratica.

Bonus animali domestici 2023
Amici pelosi in gruppo (Pexels – amoreaquattrozampe.it)

Avere in casa un tenero peloso è il sogno di molti e i padroni che riescono ad avere spazio per un cane o un gatto, sono davvero molto fortunati. La compagnia di fido e micio cambia radicalmente la nostra vita ed è tutto in positivo.

Per molti padroni può essere vantaggioso accedere al bonus animali domestici 2023, per cui sono già attive le domande. Prendersi cura di un piccolo peloso è meraviglioso ma ha anche i suoi costi elevati, a cominciare dall’alimentazione quotidiana alle visite periodiche per la sua salute.

Sarebbe opportuno, quindi, sapere come inoltrare la propria domanda e ottenere l’agevolazione. Innanzitutto, per assicurare benessere e felicità al proprio amico peloso, cane o gatto, tutte le attenzioni pratiche prevedono un costo. Così, per andare incontro ai cittadini che convivono con un animale, è stato erogato il bonus animali domestici, che dovrebbe rendere meno pesante occuparsi della gestione e del mantenimento di esso in famiglia.

Gli animali domestici e il bonus 2023: cosa prevede

Che cosa è previsto nel bonus animali domestici 2023 per un padrone? Si tratta di un contributo diretto? Quanto può essere vantaggioso e aiutare chi si prende cura di un peloso? Leggiamo meglio nell’articolo per conoscere tutte le misure previste.

Animali domestici e il bonus
Cagnolini mentre riposano (Unsplash – amoreaquattrozampe.it)

Come abbiamo detto, oggi gli animali domestici in famiglia sono sempre più diffusi e non si può fare a meno di pensare a come occuparsi di loro nel miglior modo, così da migliorarne la qualità della vita e rendere più piacevole la convivenza.

In particolare, il bonus animali domestici 2023 non è propriamente un contributo diretto al cittadino ma si tratta di una detrazione del 19% sulle spese dal veterinario che si affrontano ogni anno per la cura del pet.

Se vuoi mantenere in salute cane e gatto che possiedi in casa, sappi che si tratta di un bonus che va a coprire parte delle spese per gli interventi chirurgici, così come per gli esami di routine.

La detrazione fiscale, quindi, potrà essere richiesta attraverso la dichiarazione dei redditi del cittadino. Il bonus è previsto per le spese con un massimo di 550 euro e con una franchigia di quasi 129 euro, ed un risparmio di circa 80 euro ad intervento.

In pratica, per poter ottenere il bonus animali domestici 2023, occorrerà indicare le spese veterinarie che si sono sostenute durante l’anno di imposta che è interessato nella dichiarazione dei redditi. Ogni cittadino e padrone di pets può fare richiesta in autonomia oppure rivolgendosi al CAF.

Mediante tutti i documenti necessari, il padrone può beneficiare del bonus e soltanto se può certificare di possedere un animale domestico. Cane o gatto che sia il tuo pet, dovrà essere in possesso di un microchip, e le spese veterinarie dovranno essere tracciabili.

Grazie a questa detrazione fiscale, un padrone potrà effettuare con più tranquillità particolari interventi o esami specifici per il proprio animale, i cui grandi costi, prima, non era in grado di sostenere.

Gestione cookie