Home Curiosita Il gatto che aspettava il neonato

Il gatto che aspettava il neonato

panda 1

Il rapporto tra i bambini e gli animali è una delle esperienze più meravigliose con la quale si viene a creare una simbiosi straordinaria tra due esseri così diversi, ma entrambi innocenti e indifesi. Gli animali sentono la differenza tra i bambini e gli adulti e si comporteranno di conseguenza, trovando nei piccoli umani una complicità che non richiede rapporti di forza. Ci sono molti esempi che hanno mostrato la dolcezza con la quale diverse specie animali si rapportano ai bambini come il cane paziente che si lascia “torturare” a quello che finalmente può esprimere la propria personalità nel gioco, andando all’avventura con un piccolo “ometto”. Anche il gatto che può sembrare più distaccato ha in realtà un modo molto particolare di esprimere il suo affetto. Recentemente, una donna canadese, Liel Ainmar Assayag, ha voluto condividere in rete la sua esperienza, dalla gravidanza alla nascita del figlio e il comportamento del gatto nei riguardi del nuovo arrivato.

La neo mamma ha condiviso sul suo profilo Facebook una serie di fotografie che la ritraggono in diversi momenti nel periodo della gravidanza e dopo il parto, con sempre al suo fianco, il gatto di nome Panda che ha salvato dalla strada.

Nelle fotografie si può vedere Panda aggrappato alla pancia della donna, che dorme vicino a quella creatura che sta per nascere. Un comportamento con il quale ammirare l’estrema sensibilità dell’animale, che percepisce la presenza di una vita nel ventre della donna.

“Quando ero incinta mi seguiva ovunque in casa e amava appoggiare la sua testa sul mio ventre. Quando il bambino ha iniziato a cresere e che la pancia era grossa, Panda abbracciava il mio ventre, come se volesse coccolare mio figlio”, racconta la donna.

Quando il bambino di nome Sean è nato, al marito della donna fu dato il compito di far annusare il pigiama del neonato, per abituarlo al suo odore, come suggerito dagli esperti (clicca qui). All’arrivo di Sean a casa, Panda non aveva ancora collegato il bambino alla creatura cresciuta nel ventre della padrona ,con la quale fin da quando fu trovato si era creato un feeling molto forte. “Solo dopo tre mesi – racconta la neo mamma- Panda ha iniziato a comportarsi come quando ero incinta: si siede al fianco di Sean e lo abbraccia come abbracciava il mio ventre, diventando il suo angelo custode”.

“Volevo mostrare a tutti che gli animali domestici sono i migliori compagni dei nostri figli e che abbiamo molte cose da imparare daloro. Per molti sono solo degli animali. Ma per gli animali siamo la loro famiglia ed è in questo modo che devono essere trattati, come membri della nostra famiglia e non si abbandona ma la famiglia”, ha commentato nel post, la giovane donna.