Ho scoperto un trucco eccezionale per scacciare api e vespe senza far loro del male: basta un sacchetto

Foto dell'autore

By Francesca Ciardiello

Curiosita, Non solo Cani e Gatti

Un oggetto che come me tutti hanno in casa può rivelarsi utilissimo contro questi insetti: ho scoperto il trucco del sacchetto di carta marrone per api e vespe.

Ho scoperto un trucco eccezionale per scacciare api e vespe senza far loro del male: basta un sacchetto
Ho scoperto un trucco eccezionale per scacciare api e vespe senza far loro del male: basta un sacchetto (Canva-amoreaquattrozampe.it)

Alle volte non possiamo immaginare quanto degli oggetti che tutti abbiamo in casa possano avere scopi incredibili, come ad esempio il trucco del sacchetto di carta marrone per combattere api e vespe, che in estate affollano il nostro giardino e balcone (e non solo). Può sembrare incredibile ma grazie a questo oggetto, solitamente utilizzato per confezionare del cibo fresco, potremo goderci l’aria aperta senza il rischio di punture.

Api e vespe? Ecco cosa le attira

In estate basta il caldo ad attrarre vespe, calabroni e api sui nostri balconi o in giardino, impedendoci di uscire a prendere una boccata d’aria fresca (quando c’è). Ma in realtà ci sono alcune cose, magari a volte si tratta di abitudini, che inducono questi insetti ad avvicinarsi ancora di più a noi e alle nostre case. Ad esempio vespe e calabroni hanno un palato-olfatto sopraffino e amano la frutta molto matura.

Vespe sulla frutta
Trucco del sacchetto di carta marrone contro api e vespe: sono attratte dalla frutta zuccherina come i fichi (Canva-amoreaquattrozampe.it)

C’è infatti chi ha in giardino piante di pero, fico, melo o chi posiziona la frutta in un bel contenitore all’esterno: meglio non farlo se non vogliamo che gli zuccheri della frutta siano una ‘calamita’ per questi insetti affamati. E le api? Anche queste sono golose di alimenti zuccherini contenuti sia nei cibi sia nelle bevande, soprattutto quelle a base di frutta fresca.

Trucco del sacchetto di carta marrone contro api e vespe: cosa ci serve

Sarà davvero molto semplice: basterà procurarsi uno di quei sacchetti di carta marrone, spesso utilizzati nei negozi di frutta e verdura freschi. Il sacchetto marrone non può mancare e con esso anche un pezzo di spago che servirà a chiuderlo all’estremità in alto. Ma non solo: poiché dobbiamo dare alla nostra ‘scultura di carta’ una forma tondeggiante, è importante mettere qualcosa all’interno per dargli consistenza.

Dato che il sacchetto verrà posizionato all’aperto e presumibilmente al sole, meglio evitare di inserire al suo interno qualcosa che possa marcire ed emanare un cattivo odore. Al contrario sarebbe meglio utilizzare sacchetti morbidi in plastica o qualcosa di simile, in modo da ‘gonfiarlo’ senza appesantirlo troppo. Lo stesso spago per chiuderlo potrebbe essere usato come cappio da legare a una trave in legno o al solaio.

Dove sarebbe meglio posizionarlo? Nei pressi di piscine e giardini, ma anche sui balconi: l’importante è che sia ben visibile ai nostri insetti. Oltre a questo rimedio, facile, sicuro ed economico esistono tanti altri mezzi per allontanare api e vespe.

Se vuoi saperne di più, leggi un nostro approfondimento sul tema >>> Vespe o api chi è il vero nemico? La verità dietro i pregiudizi 

Trucco del sacchetto di carta marrone contro api e vespe: perché funziona?

Ma sappiamo tutti qual è la differenza tra api e vespe e come mai sono proprio dei sacchetti i migliori alleati contro di loro? Se vi state chiedendo appunto come un pezzo di carta può essere una barriera efficace contro i morsi di questi insetti, vi spiego cosa ho scoperto: non sfrutta odori o colori, ma semplicemente trae in inganno la vista di questi piccoli volanti.

Sacchetto di carta
Trucco del sacchetto di carta marrone contro api e vespe: come si deve legare (Canva-amoreaquattrozampe.it)

Infatti il sacchetto di carta, richiuso all’estremità in alto, può dare l’idea di un nido di calabroni. Questo dovrebbe spaventarli? No, piuttosto dovrebbe convincere questi insetti a ‘cambiare zona’ poiché quel territorio, almeno apparentemente, è già stato colonizzato da simili. Funziona davvero? Pare di sì e soprattutto non danneggia l’ecosistema perché non elimina le le api che sono gli esseri viventi più importanti del pianeta.

Gestione cookie