Home Curiosita Perché le lumache hanno quattro nasi: cosa dobbiamo sapere

Perché le lumache hanno quattro nasi: cosa dobbiamo sapere

Perché le lumache hanno quattro nasi? Non tutti sanno di questa particolare caratteristica fisica delle piccole creature. Vediamo di cosa si tratta, con altre curiosità.

Perché le lumache hanno quattro nasi
(Foto Pixabay)

Questa piccola e indifesa creatura la si può notare un po’ ovunque, nei prati durante la pioggia o uscire fuori dall’insalata e altre verdure. La lumaca, oltre ad andare molto piano nella sua vita, presenta delle caratteristiche davvero curiose e sono tante le domande che ci si pone su questo mollusco. Ad esempio, perché le lumache hanno quattro nasi? Scopriamolo nell’articolo.

Perché le lumache hanno quattro nasi?

Si tratta di una caratteristica fisica davvero sorprendente nella lumaca. Questo piccolo mollusco che incontriamo spesso nel nostro quotidiano è ancora tutto da conoscere. Vediamo meglio.

Le lumache e il loro naso
(Foto Unsplash)

La lumaca è un piccolissimo e grazioso invertebrato che popola la nostra terra, lento e tranquillo occupato nelle sue abitudini.

Anche se si è abituati a parlare e ad approfondire circa i più comuni animali domestici, ci sono tante scoperte che si possono fare su creature viventi che ci fanno compagnia, in un modo o in un altro, come appunto la lumaca.

In realtà, la curiosa creatura è una specie che rappresenta più specie, tra cui anche la chiocciola. Le sue caratteristiche si modificano in base all’habitat in cui vivono e così le loro capacità.

Sicuramente, la curiosità più conosciuta sulla lumaca riguarda la velocità con cui si muove da un punto ad un altro, che arriva ad un massimo di 0,046 km/h.

Sempre a seconda della specie di appartenenza, le lumache possono vivere tra i 5 e i 25 anni. Oltre a queste informazioni più o meno conosciute, ce n’è una che riguarda il loro naso.

Perché le lumache hanno quattro nasi: la funzione olfattiva

Le lumache possiedono ben quattro nasi. Andando nello specifico, si tratta di una funzione olfattiva, una caratteristica evolutiva che si distingue da quella respiratoria.

In pratica, la lumaca è dotata di due nasi, che le consentono di respirare bene e avere sempre tutto l’ossigeno necessario, mentre gli altri due sono molto sviluppati, capaci di sentire tutti gli odori. Una caratteristica incredibile di cui si era all’oscuro!

Ma questa non è l’unica curiosità su questi piccoli esserini, con e senza guscio. Continuiamo a leggere qui per conoscerle meglio.

Potrebbe interessarti anche: Lumaca e chiocciola: punti in comune e differenze

Le lumache e le loro abitudini: altre curiosità

Ben visibili nei nostri giardini e nei prati sotto la pioggia, le lumache ci fanno fermare per un attimo, perché è impossibile resistere alla curiosità e al desiderio di osservarle vivere. Leggiamo qui.

Lumaca si muove sul tronco
(Foto Pexels)

Le lumache sono molto apprezzate proprio per la pazienza che dimostrano nel vivere, qualità che accompagna per sempre la loro esistenza, ogni giorno.

Muoversi e aspettare con lentezza le rende degli esserini viventi da cui imparare tanto, perché potremmo ottenere anche noi umani dei benefici.

Non tutti sanno che le piccole creaturine sono capaci di vedere, anche se pochissimo. Quindi, quando si muovono, possono percepire la realtà naturali che le circondano.

La bava di lumaca e i suoi benefici

Famosissima, nel mollusco, è la sua bava, la cosiddetta “bava di lumaca” di cui le donne, in particolare, parlano molto.

Ebbene, questa bava viene utilizzata nei prodotti di bellezza femminile, in quanto può aiutare a combattere l’acne e altri problemi della pelle del viso.

Caratteristiche fisiche sorprendenti

Per sopravvivere e nutrirsi di cibo, una lumaca possiede ben 14175 denti diffusi sulla sua lingua. Inoltre, il piccolo essere vivente può essere dotato di bronchi oppure di polmoni.

É interessante sapere che i molluschi appartengono alla categoria degli animali ermafroditi, ovvero che hanno entrambi i sessi.

Per le lumache è importante mangiare tutti insieme, ognuno dalla fonte dell’altro simile. Parliamo di creature che, per alcune popolazioni antiche, sono simbolo di vita e serenità interiore, associate al cosiddetto cerchio della vita.